La scuola che non dà voti. Un docente: “L’apprendimento mnemonico, pur premiato dal voto, non sedimenta. La ricerca personale metabolizza la conoscenza”

WhatsApp
Telegram

Rischiava di chiudere, ora ci c’è boom di iscritti. Parliamo di una scuola primaria in provincia di Verona.

Al Corriere della Sera interviene il docente referente dell’istituto: “La scuola primaria Massalongo è la prima scuola pubblica di Verona che ha formalmente deciso, in un collegio docenti del 2017, d’istituire un plesso a ispirazione montessoriana”, spiega Davide Quinci, docente della scuola e referente del progetto Montessori per l’IC18, insieme a Monica Gallo della scuola dell’infanzia Le Coccinelle.

“La Massalongo è passata dall’essere vicina alla chiusura (con 8 iscritti nel 2016) ad avere domande in esubero, dopo l’attivazione del metodo montessoriano”, aggiunge.

Poi spiega: “Quante volte, anche dopo un esame universitario, preparato di corsa solo per superarlo, abbiamo dimenticato i contenuti? Qualunque apprendimento mnemonico, seppur premiato col voto, non va a sedimentarsi, perché non c’è più motivo per “trattenerlo”. Il voto indica se uno studente è in grado di ripetere lo stesso dato in un preciso momento. Ma è così importante? Invece se c’è ricerca personale e attiva, stimolata da una motivazione e una curiosità, il percorso di conoscenza viene interiorizzato diventando competenza e abilità, che saranno a loro volta da stimolo per ulteriori approfondimenti. Qui forniamo un metodo di studio”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur