La scuola arriva nei teatri, Gallo (M5S): “Nasce una grande opportunità per docenti e studenti”

Stampa

La scuola nei teatri e nei cinema. Nei prossimi giorni arriverà l’ufficialità tramite il protocollo firmato dal Ministero dell’Istruzione e da quello dei Beni Culturali.

“In questi giorni, in coordinamento con il Ministro dell’Istruzione, sto lavorando senza sosta alla definizione di protocolli nazionali tra i luoghi di cultura e le scuole e presto ne daremo notizia ufficiale. Dall’emergenza nascono grandi opportunità per i nostri ragazzi e ragazze, bambini e bambine per fare lezione nei luoghi della cultura come musei, teatri, cinema e potersi immergere nella storia, nell’arte e nella bellezza tutta italiana. In tal senso, fa piacere constatare che una grande attrice del calibro di Monica Guerritore sia favorevole all’idea di aprire i teatri per le lezioni scolastiche. Come darle torto quando sostiene che i teatri sono i luoghi della formazione di noi stessi come ‘individui’ allenati alla capacità critica, alla riflessione, alla dinamica intellettuale e sentimentale?”. Lo dichiara in una nota Luigi Gallo, deputato del MoVimento 5 Stelle e presidente della Commissione Cultura a Montecitorio.

“Con i 5,6 miliardi stanziati per la scuola quest’anno avremo più personale, aule rinnovate, nuovi spazi didattici, patti educativi di comunità nelle nostre città che diventano dei grandi laboratori di apprendimento e del sapere”, aggiunge.

“I sindaci sono protagonisti per gli interventi dell’edilizia leggera ma anche per la creazione di Patti Educativi di Comunità che vanno costruiti in ogni comune coinvolgendo associazioni, terzo settore, enti e fondazioni culturali e sociali pronti a fare la loro parte per la ripartenza della scuola con proposte didattiche di qualità in forte sinergia con le scuole. Noi siamo impegnati a costruire protocolli nazionali, i sindaci saranno impegnati a costruire protocolli di collaborazione locale”, conclude il post.

Stampa

Eurosofia, scopri un modo nuovo e creativo per approcciarti all’arte: “Il metodo del diario visivo” ideato da Federica Ciribì