La rivolta della mamma contro i compiti a casa: non si allineano con i valori familiari e sottraggono tempo prezioso

WhatsApp
Telegram

La questione dei compiti a casa è da sempre fonte di dibattito tra genitori e insegnanti. Molti genitori, come Kelly Burch, esprimono preoccupazione per il carico di lavoro imposto ai bambini, sottolineando la necessità di bilanciare meglio le assegnazioni per preservare i momenti di libertà degli studenti.

Come segnala Radio 105, Kelly Burch ha scatenato discussioni con il suo punto di vista pubblicato su Business Insider. Secondo lei, i compiti a casa non si allineano con i valori familiari e sottraggono tempo prezioso. La sua famiglia, impegnata in attività come equitazione, nuoto e calcio, trova difficile gestire il tempo per i compiti.

Di fronte a una giornata già colma di impegni, Kelly ha deciso di rendere i compiti a casa opzionali e spesso sconsigliati. La sua priorità è offrire ai figli un arricchimento che si allinei meglio coi valori della famiglia, considerando che il tempo post-scuola è limitato.

Kelly sostiene che le abilità di scrittura, lettura e calcolo possono essere sviluppate anche attraverso attività più divertenti e meno tradizionali. Preferisce che le sue figlie acquisiscano fiducia in se stesse e imparino attraverso esperienze diverse, come il contributo alla comunità o il gioco all’aria aperta.

Comunicando la sua decisione all’insegnante, Kelly ha trovato una comprensione reciproca. La maestra sembra condividere il punto di vista di Kelly, riconoscendo che esistono diversi modi per imparare nel pomeriggio, non tutti necessariamente accademici.

La discussione continua, con genitori e insegnanti alla ricerca del migliore equilibrio tra istruzione e sviluppo personale.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri