Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

“La ricetta per salvare l’ambiente” e la lotta contadina al centro del dibattito pedagogico: un esempio di UdA

WhatsApp
Telegram

Contadini e piccoli agricoltori costituiscono la metà della popolazione mondiale e coltivano almeno il 70% del cibo mondiale. Parliamo di piccoli agricoltori, pastori senza terra, pescatori, indigeni di tutto il mondo. Tuttavia, nonostante l’importanza di questo gruppo sociale, il suo contributo è lungi dall’essere riconosciuto. Le popolazioni rurali hanno pochissima visibilità sulla scena pubblica e i “contadini”, nella maggior parte dei luoghi, sono disprezzati e spesso considerati “ignoranti”, “arretrati” o “sottosviluppati”. Questo disprezzo va di pari passo con le politiche di libero mercato in vigore da più di tre decenni che hanno puntato (o scommesso?) sulla scomparsa dell’agricoltura contadina per essere sostituita dalle grandi corporazioni agroalimentari e dal commercio internazionale.

La parola contadino e i diritti

L’ultima sessione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha mostrato ancora una volta che la parola “contadino” rimane politicamente sensibile. Sotto la pressione di alcuni paesi europei, l’uso dell’espressione “diritti dei contadini” è stato sostituito dal meno minaccioso “diritti delle persone che lavorano nelle zone rurali”. Sembrano temere di dare troppo peso politico a un gran numero di persone il cui commercio è rimasto in gran parte al di fuori dell’economia capitalista.

Difendere l’agricoltura su piccola scala

Tuttavia, negli ultimi due decenni, contadini, senza terra e agricoltori familiari si sono organizzati per rivendicare il loro diritto a proteggere i propri mezzi di sussistenza, a difendere l’agricoltura su piccola scala e a far sentire la propria voce a livello internazionale. Il movimento contadino internazionale “La Via Campesina” nasce nel 1993, riunendo a livello mondiale organizzazioni e sindacati nazionali attivi da anni nel proprio paese o regione. “Una delle cose più importanti che abbiamo imparato durante la costruzione del nostro movimento è stata la nostra capacità di ricostruire il nostro orgoglio di essere contadini”, ha spiegato Paul Nicholson, un contadino basco, uno dei fondatori del movimento. “Ora siamo orgogliosi di essere riconosciuti da importanti istituzioni come la FAO e i consigli per i diritti umani”.

La crisi alimentare e l’agrobusiness

Con l’inizio della crisi alimentare nel 2007 e il numero crescente di persone affamate nel mondo, la situazione ha iniziato a cambiare. La cieca promessa che l’agrobusiness avrebbe alimentato il mondo sembrava essere una finzione e sempre più persone, governi e istituzioni stanno riconoscendo che non ci sarà soluzione all’attuale crisi senza la partecipazione dei piccoli agricoltori.

La crisi climatica e gli effetti sull’agricoltura

La crisi climatica rivela anche i limiti del modo di produzione agroindustriale, che è estremamente affamato di carburante e distrugge i suoli e la natura. L’agricoltura sostenibile ei mercati alimentari locali, invece, mostra un impatto notevolmente positivo sul clima.

il 17 aprile la Giornata internazionale delle lotte dei contadini

È in questo contesto di crisi alimentare e climatica che migliaia di persone in centinaia di gruppi e organizzazioni locali in tutto il mondo hanno celebrato il 17 aprile la Giornata internazionale delle lotte dei contadini. Sono state organizzate attività di ogni tipo : occupazioni della terra e altre azioni dirette, proiezioni di film ed eventi culturali, conferenze, mercati degli agricoltori e dibattiti pubblici. L’evento segna la repressione di un gruppo di contadini senza terra in Brasile che lottavano per il loro diritto alla terra. Il 17 aprile 1996, nello stato amazzonico del Pará, a Eldorado dos Carajás, la polizia militare statale ha massacrato i contadini organizzati nel Movimento dei lavoratori rurali senza terra (MST).

Le opportunità economiche e i diritti umani

Migliaia di contadini e coloro che difendono il loro favore sono ancora oppressi, intimiditi, arrestati e uccisi mentre lottano per la terra, il cibo, le opportunità economiche e i diritti umani, anche se sono gli stessi uomini e donne che nutrono il mondo.

La ricetta per salvare l’ambiente”

“La ricetta per salvare l’ambiente” è una pregevole Unità di Apprendimento interdisciplinare per le classi seconde della scuola secondaria che vi alleghiamo come esempio di “buona scuola” e di pratica da utilizzare per migliorare la ricaduta dell’azione didattica delle nostre istituzioni scolastiche. Realizzata dagli eccellenti docenti dell’Istituto Comprensivo Jesi “Lorenzo Lotto” diretto dal dirigente scolastico Prof.ssa Sabrina Valentini, un esempio tangibile di eccellente manager.

UDA-EDUCAZIONE-AMBIENTALE-CLASSI-SECONDE SECONDARIA

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo, corso di preparazione valido per preselettiva, scritto ed orale. Con esempi. Ultimi giorni a prezzo scontato