La Rete scuole Green e la Green Public Procurement: l’accordo di programma

WhatsApp
Telegram

La rete italiana Green, nata qualche anno fa, prende spunto e fa leva sulla riflessione di tre scuole romane che facendo leva sulla rinata sensibilità ambientale e attenzione all’ambiente hanno deciso di porre avvio ad un percorso virtuoso. Si tratta del Liceo Orazio, del Liceo Socrate e dell’Istituto Comprensivo L. Fontana. L’idea che fa da substrato a questa scelta nasce dalla constatazione che centinaia di scuole ogni giorno pur operando sul fronte della crescita di un’attenzione condivisa allo stato di salute dell’ambiente non riescono a comunicare, meglio, non riuscivano a comunicare tra di loro. Nel comunicato si sottolineava che, tutto quello che fanno (le scuole, per intenderci) su tutto il territorio nazionale rimane in molti casi confinato nelle mura delle scuole stesse, o del comune su cui insistono.

Creare un reticolo

Ecco, perché, è stato necessario, se non indispensabile, creare un reticolo che comprendesse numerosissime province e centinaia di scuole in grado di comunicare in maniera positiva e utile tra loro e avere in comune idee, eventi, ricerche, metodologie e sperimentazioni.

Le buone pratiche della rete nazionale scuole green

Le ottime pratiche della rete nazionale scuole green sono:

  • Favorire percorsi di propaganda scientifica, preparando momenti di incontro tra le comunità scolastiche ed esperti in ambito ecologico e climatologico;
  • Diffondere tra le scuole aderenti pratiche didattiche innovative e dar vita a un continuo confronto su obiettivi strategici e metodologia di ricerca e d’insegnamento;
  • Svolgere attività didattica volta a trasmettere agli studenti la necessità di mettere in atto comportamenti utili alla salvaguardia dell’ecosistema;
  • Rinforzare la partecipazione attiva degli studenti a manifestazioni e azioni volte a sostenere lo sviluppo sostenibile e la lotta ai cambiamenti climatici.

Le azioni della rete nazionale scuole green

Queste – come si evince dal comunicato della rete – le azioni della rete nazionale scuole green:

  • Attuare un costante rilevamento delle tecniche didattiche e propagarne i risultati
  • Definire nuove strategie d’insegnamento, fondate sull’utilizzo di metodologie partecipative, collaborative e focalizzate sulle competenze, e generare materiale didattico a favore delle scuole aderenti
  • Dar vita ad attività di formazione dei docenti e Favorire incontri periodici per avere in comune stimoli e riflessioni sulle metodologie didattiche e le scelte organizzative, le strategie didattiche, i nuovi obiettivi e ambienti di apprendimento, anche alla luce della introduzione delle ITC.

Gli obiettivi della Rete scuole Green

La Rete scuole Green indica come alcuni importanti e fondamentali obiettivi su cui convogliare la propria azione all’interno degli istituti scolastici:

  • Favorire il riciclo e riuso dei materiali di uso quotidiano.
  • Ridurre, fino ad eliminare, i consumi di bottigliette di plastica, sostituendole con borracce e distributori d’acqua.
  • Favorire incontri con la Protezione Civile Locale per informare la comunità scolastica sui comportamenti di prevenzione in previsione di eventi meteorologici estremi.
  • Incrementare i processi di dematerializzazione.
  • Favorire e rispettare la raccolta differenziata dei rifiuti all’interno di tutti i locali dell’Istituto.
  • Favorire percorsi di divulgazione scientifica, organizzando momenti di incontro tra la comunità scolastica ed esperti in ambito ecologico e climatologico.
  • Coinvolgere gli alunni nella individuazione, adozione e cura degli spazi verdi delle scuole sviluppando un modello di gestione condivisa delle risorse naturali.
  • Incrementare l’utilizzo di prodotti per le pulizie biodegradabili.
  • Orientare l’attività negoziale delle scuole verso le politiche di GPP (Green Public Procurement).

Le iniziative di alcune scuole italiane: “Green Percoto” 2022

Nell’ambito delle attività previste per l’area ‘Green Percoto’, si segnalano le seguenti iniziative:

  • Proposte educative COOP: @SOSTENIBIL-MENTE. Il progetto prevede due incontri in modalità online sulla tematica ambientale di vita: consapevolezza, cura, responsabilità;
  • Visita al Centro di Raccolta differenziata di via Rizzolo – Udine Nord;
  • Incontro presso Panificio di Comunità “Pan dal DES” in via Ermes di Colloredo a Udine. Il panificio si propone di portare avanti processi di innovazione sociale indirizzati alla sostenibilità sociale, economica e ambientale (in caso di interesse rivolgersi alle referenti);
  • Intervento-conferenza su “Cambiamento climatico”. L’incontro proposto da un esperto delle Istituzioni Europee si terrà in data da concordare a seconda del numero delle adesioni.

La Rete_Scuole_Green_nazionale

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur