“La Qualità dell’inclusione scolastica e sociale”, convegno Erickson 3-5 novembre

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Erickson – Ritorna il Convegno internazionale “La Qualità dell’inclusione scolastica e sociale” organizzato dal Centro Studi Erickson in programma al Palacongressi di Rimini dal 3 al 5 novembre per l’undicesima edizione: quest’anno sono attese oltre 4.000 persone tra insegnanti, educatori, assistenti sociali, psicologi che avranno l’opportunità di ascoltare oltre 150 relatori divisi in 3 sessioni plenarie, 12 Q Talk, 45 workshop tematici e diversi altri incontri nei quali i partecipanti potranno confrontarsi direttamente con esperti e autori che affronteranno l’inclusione sotto molteplici punti di vista, uniti nel riconoscere nella scuola il luogo da cui iniziare per costruire una società realmente inclusiva.

«Quest′undicesima edizione del Convegno è un passaggio importante: dal pensare alla qualità dell′integrazione scolastica e sociale degli alunni con disabilità ci siamo resi conto della necessità di parlare e far parlare sempre più insegnanti, esperti e persone della qualità dell′inclusione scolastica e sociale. L′inclusione è un passo in più, perché vuol dire rispondere a tutte le differenze che stanno nella scuola e non solo», osserva Dario Ianes, co-fondatore delle Edizioni Centro Studi Erickson e tra i promotori del Convegno.

I temi del Convegno

Al centro di questa edizione c’è l’indagine sugli aspetti più attuali legati al macro tema dell’inclusione, allargando il discorso da una scuola inclusiva a una società inclusiva, nel lavoro, nel tempo libero, nelle relazioni, nell’essere adulti e persone pienamente partecipi e realizzate. Si parlerà di inclusione a scuola, con approfondimenti che investigano i diversi aspetti dell’educare (come l’importanza e la gestione delle emozioni anche alla luce dei comportamenti problema e i rischi connessi diburnout degli insegnanti; i DSA e il ruolo degli educatori; il contributo che possono dare le neuroscienze oggi), nella società, attraverso riflessioni sull’immigrazione (e tematiche correlate come l’importante dibattito attualmente in corso sullo Ius Soli), edi alternanza scuola-lavoro come parte di un processo formativo completo e innovativo.

Il tema dell’inclusione scolastica, in particolare, è fortemente dibattuto oggi perché riflesso di una società chiamata a essere inclusiva alla luce dei profondi cambiamenti socio-economici in atto. Di particolare interesse risulta quindi l’intervento di Benedetta Tobagi, giornalista e scrittrice che affronterà il tema con una relazione dal titolo esplicativo La scuola inclusiva come antidoto alla società del risentimento: è ancora difficile distinguere a scuola la situazione delle vere e proprie seconde generazioni (che il Ministero riconosce come nati in Italia da famiglie di altra origine) da quella di chi invece è appena immigrato, oppure è nato altrove o frequenta la scuola in Italia solo per qualche anno perché magari la famiglia si sposta. L’argomento è strettamente connesso al dibattito sullo Ius Soli, affrontato apertamente e con coraggio da Franco Lorenzoni ed Eraldo Affinati che sono tra i promotori dell’Appello degli insegnanti per lo Ius Soli e lo Ius Culturae: «Ci troviamo così nella condizione paradossale di doverli educare [gli oltre 800.000 bambini e ragazzi figli di immigrati] alla “cittadinanza e Costituzione”, seguendo le Indicazioni nazionali per il curricolo – che sono legge dello Stato – sapendo bene che molti di loro non avranno né cittadinanza né diritto di voto», affermano.

Altro aspetto centrale affrontato dal Convegno Erickson sarà quello dell’inclusione delle persone con disabilità dalla scuola al lavoro. Sono passati 40 anni dalla Legge 517 del 1977, che ha sancito l’abolizione delle classi speciali, e 25 dalla Legge 104 del 1992, sull’integrazione sociale delle persone con disabilità: anniversari che impongono una riflessione per capire a che punto siamo, la strada che è stata percorsa e quella che c’è ancora da fare. Molte le voci che affronteranno questo tema così delicato e centrale, tra i quali spiccano i nomi di ospiti internazionali come Tom Shakespeare, disabile e tra i principali studiosi a livello internazionale sui diritti delle persone con disabilità, e David Rose, professore e co-fondatore del CAST (Center for Applied Special Technology), organizzazione senza scopo di lucro la cui missione è il miglioramento dell’istruzione per tutti gli studenti attraverso l’uso innovativo della tecnologia multimediale unito alla ricerca contemporanea nel campo delle neuroscienze.

Una riflessione sarà dedicata anche al ruolo delle emozioni nell’apprendimento, per imparare a gestirle nel migliore dei modi.Daniela Lucangeli, esperta di psicologia dell’apprendimento, se ne occuperà nel suo Q Talk dal titolo A scuola di emozioni assieme a Ernesto Burgio, pediatra, ricercatore e Presidente del Comitato Scientifico dell’Associazione internazionale medici per l’ambiente. Non solo: ci saranno focus anche sui comportamenti problema in classe, che rappresentano una vera sfida per la scuola inclusiva. Allievi che non riescono a stare attenti e fermi al loro posto, che non ubbidiscono, che disturbano i compagni e il regolare svolgimento delle lezioni, che in certi momenti diventano aggressivi, possono provocare un cortocircuito nell’insegnante. Quest’ultimo prima perde la pazienza, poi la fiducia e infine, qualche volta, anche la voglia di lavorare e si ritrova così, letteralmente, bruciato (burnout, usando il termine tecnico). Di come affrontare queste situazioni in maniera costruttiva parlerà Fabio Celi, psicologo e docente di psicopatologia dello sviluppo all’Università di Parma e Pisa, nel suo Q Talk dal titolo I comportamenti problema: come intervenire in classe.

Si parlerà anche di dislessia. Sono sempre di più – fortunatamente – le storie di persone che raccontano come questa neurodiversità, pur mettendo alla prova famiglie, insegnanti e soprattutto alunni, possa portare a dei percorsi di studio non facili, ma di successo. È la storia raccontata da Filippo Barbera, vicentino classe 1988, che scopre di essere dislessico, disgrafico, disortografico e discalculico in prima elementare, e grazie a un percorso intensivo tra logopedista, neuropsichiatra e compiti supplementari si laurea con lode in Scienze della Formazione Primaria presso l’Università di Padova, consegue un Master e intraprende la carriera di insegnante. E poi c’è Giacomo Cutrera, bresciano anche lui classe 1988, autore e protagonista dell’autobiografia “Demone Bianco”, che scopre di essere dislessico solo dopo la terza media e grazie all’implementazione di un nuovo modo di apprendere, utilizzando diversi canali e miscelando le conoscenze con l’esperienza pratica, arriva a laurearsi in informatica.

In questi giorni si sente parlare anche di alternanza scuola–lavoro. L’argomento sarà affrontato durante la plenaria di sabato 4 novembre da Arduino Salatin, Preside dell’Istituto Universitario Salesiano di Venezia, che afferma: «L’esperienza di alternanza scuola-lavoro ha tra le sue finalità quella orientativa. L’alternanza scuola-lavoro, infatti, non è solo un nuovo “adempimento” introdotto nella scuola italiana, ma un’opportunità per i giovani e per la società stessa: quando è ben impostata, assume un valore di educazione al futuro poiché consente ai giovani di comprendere la realtà tramite azioni “compiute” che mettono in moto le loro capacità nella forma del servizio-dono alla comunità». Ecco che, partiti dalla scuola, si torna, in un’ideale circolarità, ai temi sociali a testimonianza che un’educazione all’inclusione è un’educazione al vivere civile.

A questo link è possibile trovare il programma dettagliato e l’elenco completo dei relatori.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare