La proposta di Beppe Grillo: estendere il diritto di voto ai sedicenni. Ma l’idea non sembra piacere ai giovani

WhatsApp
Telegram

“Il voto a 16 anni esiste già in molti Stati. Ora, è arrivato il momento di ascoltare le nuove generazioni, estendendo il diritto di voto ai sedicenni”. E’ quanto si legge sul blog di Beppe Grillo.

Quella del fondatore del M5S è una proposta che farà discutere perché arriva proprio nelle ultime settimane prima delle elezioni politiche, che si svolgeranno il 25 settembre.

Da anni il M5S porta avanti questa battaglia generazionale“,-precisa Grillo -. Nel 2013 abbiamo votato per l’estensione del voto ai sedicenni nella riforma della legge elettorale europea e presentammo in Parlamento una mozione di riforma costituzionale e istituzionale per estendere il voto anche ai referendum popolari sulla modifica di Governo e di Stato. Come sempre, entrambe le proposte furono bocciate”.

Secondo il comico ligure, “a 16 anni puoi lavorare, puoi pagare le tasse, ma non puoi votare. Un giovane non può determinare il suo futuro attraverso la scelta del governo nazionale del suo Paese“.

Se un sedicenne è “immaturo” come giudicare maturi o saggi coloro che investono in armi, distruggono l’ambiente, scatenano le guerre, che gli sottraggono il diritto alla pensione e al lavoro? Se un 16enne non può prendere una decisione per il proprio futuro, perché può farlo chi questo futuro non lo vedrà?“, si chiede Beppe Grillo?

Una proposta, tuttavia, che non sembra riscuotere il pieno consenso da parte dei giovani italiani, soprattutto nel confronto con il recente passato. Almeno, lo dicono i dati del 10° Rapporto di ricerca realizzato da “Generazione Proteo”, l’Osservatorio permanente sui giovani della Link Campus University diretto dal sociologo Nicola Ferrigni: solo 1 giovane italiano su 3 (36,1%) di età compresa tra i 16 e i 17 anni vorrebbe infatti poter votare prima del compimento del 18° anno, laddove invece – nel 2019 – i favorevoli erano più del 60%.

Elezioni 2022 e scuola: precariato, stipendi, edilizia, pensioni. I programmi dei partiti a confronto

WhatsApp
Telegram

Concorso Dsga: il DECRETO è finalmente in Gazzetta Ufficiale. Preparati con il percorso formativo modulato dai nostri esperti