La politica del rigore fa acqua da tutte le parti

di redazione
ipsef

red – Un’espressione che ritroviamo in un comunicato del capogruppo Pd Commissione Istruzione del Senato, Antonio Rusconi, nel commentare i dati diffusi dal MIUR circa i bocciati. "Viene bocciato chi ha più disagi in famiglia"

red – Un’espressione che ritroviamo in un comunicato del capogruppo Pd Commissione Istruzione del Senato, Antonio Rusconi, nel commentare i dati diffusi dal MIUR circa i bocciati. "Viene bocciato chi ha più disagi in famiglia"

"Basterebbe osservare che – ha sottolineato Rusconi – la diminuzione del sostegno scolastico, dei mediatori culturali per gli alunni extracomunitari, delle compresenze in classe che aiutino gli studenti più in difficoltà portano alla naturale conclusione che vengono bocciati nella scuola italiana i ragazzi delle famiglie che hanno più disagi".

"Inoltre – aggiunge Rusconi – il ministro Gelmini dovrebbe spiegarci come mai, nonostante l’applicazione del voto in condotta che boccia, sono aumentati gli episodi di bullismo nella scuola italiana. Aspettiamo una risposta seria a un problema serio"

Bocciati a causa del comportamento, dato stabile

Versione stampabile
anief anief
soloformazione