Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

La pensione prima dei 60 anni è possibile, ma varia da caso a caso

WhatsApp
Telegram

Non per tutti la pensione arriva alla stessa età, vediamo perchè e quale è la variabile.

Quando rispondiamo alla domanda di un nostro lettore valutiamo il singolo caso, che potrebbe essere simile ma non uguale ad un altro. E proprio per questo le possibilità di pensionamento potrebbero cambiare. Rispondiamo ad una nostra lettrice che ci chiede:

Ho letto un articolo su orizzonte scuola dove si comunica che si può andare in pensione o prepensionamento chiamiamolo così all’età di 55 anni con 39 anni di contributi. Io ho svolto 18 anni di precariato iniziando nel 2000 facendo gli annuali a luglio prendevo naspi a settembre iniziavo. Poi sono passata di ruolo nel 2017 a tutto oggi dal 2000 indietro ho lavorato nel privato che ho iniziato l’età di 16 anni potete dare qualche notizia in merito a questo perché leggo che sono bufale. Ma non penso proprio che il suo orizzonte scuola si scrivono queste cose La gente è tutta pazza appena avete tempo se potete darmi qualche informazione qua sulla mia mail Ti ringrazio anticipatamente scusate del mio poema distinti saluti in fede.

Prepensionamento, serve sapere età e contributi

Sicuramente sul nostro sito non leggerà mai bufale o notizie false. Ed infatti, nell’articolo che cita al lettore abbiamo scritto che nell’immediato in pensione non poteva andare e che avrebbe dovuto attendere almeno altri due anni.

Ma passiamo al suo caso. Non ci dice quanti anni ha e neanche, con precisione quanti contributi ha versato. Posso solo risalire, tramite quello che scrive a un conteggio grossolano: ha circa 22 anni di contributi versati nel comparto scuola tra precariato, Naspi e ruolo. Rientra sicuramente nel lavoro precoce visto che ha iniziato a lavorare a 16 anni e se ha versato almeno 12 mesi di contributi prima dei 19 anni potrebbe avere diritto al pensionamento con 41 anni di contributi. Ma non sapendo quanti anni ha non riesco a capire dal 2000 indietro quanti anni ha lavorato.

Ma se da quando ha compiuto 16 anni ha sempre lavorato, senza buchi privi di NASPI, direi che a 57 anni potrebbe avere diritto alla pensione con quote 41 a patto che rientri in uno dei profili tutelati (disoccupato, caregiver, invalido o gravoso).

Se non rientra nella quota 41, invece, e sempre alle stesse condizioni, se è donna avrà diritto al pensionamento a 58 anni con la pensione anticipata ordinaria con 41 anni e 10 mesi di contributi, se è uomo dovrà attendere un anno in più. Ovviamente tutto questo è valido se la sua carriera non ha mai avuto interruzioni.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur