Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

La pensione di un convivente può limitare la propria?

WhatsApp
Telegram

La pensione previdenziale quasi mai è intaccata dai redditi di altri conviventi. Ma attenzione alle misure erogate con l’ISEE.

Percepire una pensione è fondamentale per chi smette di lavorare. Rappresenta, infatti, un reddito che permette di vivere. E il dubbio che per una scelta errata questo reddito mensile possa essere, in qualche modo, decurtato è la paura più grande dei pensionati. Rispondiamo alla domanda di una nostra lettrice che ci scrive:

Salve volevo sapere, se prendendo a vivere nella stessa casa e quindi nello stesso stato di famiglia, un pensionato,  si hanno delle limitazioni sulla propria pensione o per meglio dire si fa cumulo e cosa comporta.

Pensione con conviventi

Qualsiasi pensione previdenziale non è intaccata dai redditi di altri conviventi. In ogni caso a poter incidere, solitamente, sono solo i redditi dell’eventuale coniuge, ma solo su un assegno sociale, ad esempio, o sull’integrazione al trattamento minimo.

Il convivente non dovrebbe in nessun caso portare delle limitazioni sulla pensione percepita. Soprattutto alla luce del fatto che nel cambio di residenza è possibile anche decidere che ognuno dei due possa fare nucleo familiare a parte. Ed in questo caso non entrerebbe neanche nello stesso stato di famiglia.

Appurato che la pensione dal convivente non è mai messa a rischio, cerchiamo di capire il cumulo dei redditi cosa comporterebbe. I redditi da pensione di due persone non sposate ma conviventi e nello stesso stato di famiglia può influire sulla determinazione dell’ISEE. Nell’indicatore, infatti, confluiscono tutti i redditi delle persone conviventi e rientranti nello stesso stato di famiglia (ed in alcuni casi vi rientrano anche familiari non conviventi).

Se, quindi, beneficiate di misure erogate in base all’ISEE queste potrebbero essere messe a rischio dal cumulo dei redditi. Ma se al comune si dichiara che la convivenza è solo per, ad esempio, dividere le spese, non si dovrebbe rientrare nello stesso stato di famiglia e anche l’ISEE, in questo caso, rimarrebbe distinto.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur