La pedagogia della dipendenza. Lettera

WhatsApp
Telegram

Inviato da Maurizio Parodi – I bambini sono, oggi più che mai, assoggettati al controllo istituzionalizzato, giacché tutte le situazioni in cui fanno qualcosa insieme hanno assunto caratteristiche scolastiche: le attività sono inesorabilmente «finalizzate» all’apprendimento, alla prestazione, all’affermazione futura.

Lo ha spiegato con chiarezza Elio Damiano: «La distribuzione sequenziale degli esercizi, la standardizzazione dei contenuti e delle tecniche, la elevata competitività, l’orientamento al risultato, l’autorità indiscussa – quando non carismatica – del maestro, l’organizzazione per livello e potenziale di rendimento degli alunni, non stemperano affatto i tratti “extrascolastici” della formazione, anzi li esasperano in misura sconcertante».

Le azioni dei bambini sono dettate dal docente o dall’istruttore, che verifica e certifica progressi e fallimenti. Così, per buona parte, la loro vita di relazione è fatta di addestramento.

Ma in tal modo li priviamo della loro infanzia.

Si potrebbe parlare di una pedagogia della «dipendenza», che misconosce il diritto (fondamentale) all’esercizio della responsabilità e all’acquisizione di competenze decisionali, della capacità, cioè, di prendere decisioni rapide o ponderate, sostenute da un’adeguata considerazione dei problemi, delle circostanze, delle conseguenze di una scelta e dalla stima realistica dei propri limiti, dei vincoli esterni, delle risorse reperibili…

Ci pensiamo noi, adulti, docenti – nel senso che pensiamo «anche per loro», «al posto loro».

Chissà come si diventa esperti, se non facendo esperienza.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo. Solo poche settimane per prepararti. Non perderti gli incontri interattivi di Eurosofia