Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

La nostra alimentazione un viaggio nel mondo del cibo: un’UdA multidisciplinare per parlare agli alunni di una Secondaria di I grado

WhatsApp
Telegram

Il 16 ottobre è la Giornata mondiale dell’alimentazione. Il cibo che scegliamo e il modo in cui lo consumiamo influiscono sulla nostra salute e su quella del nostro pianeta. Ha un impatto sul modo in cui funzionano i sistemi agroalimentari; dobbiamo essere parte del cambiamento.

Il futuro del cibo

Un sistema agroalimentare è un termine complesso che può sembrare lontano dalla tua realtà, ma sai che la nostra vita dipende da loro? Ogni volta che mangiamo, partecipiamo al sistema. Il cibo che scegliamo e il modo in cui lo produciamo, prepariamo, cuciniamo e conserviamo ci rendono parte integrante e attiva del modo in cui funziona un sistema agroalimentare.

Un sistema agroalimentare tollerabile

Un sistema agroalimentare tollerabile è quello in cui una varietà di alimenti sufficienti, nutrienti e sicuri è disponibile a un prezzo accessibile a tutti e nessuno ha fame o soffre di alcuna forma di malnutrizione.

Gli scaffali sono riforniti al mercato locale o al negozio di alimentari, ma si spreca meno cibo e la catena di approvvigionamento alimentare è più resistente a shock come condizioni meteorologiche estreme, picchi di prezzo o pandemie, il tutto limitando, invece che peggiorare, il deterioramento ambientale o il cambiamento climatico . In effetti, i sistemi agroalimentari sostenibili assicurano sicurezza alimentare e nutrizione per tutti, senza nuocere le basi economiche, sociali e ambientali, per le generazioni a venire. Conducono a una migliore produzione, una migliore alimentazione, un ambiente migliore e una vita migliore per tutti.

Il cibo esige un pesante tributo sul nostro pianeta

Il modo in cui produciamo, consumiamo e, purtroppo, sprechiamo il cibo esige un ricominciamento del discorso “spreco”. Dovremmo ritornare a lavorare nelle scuole per far conoscere ai nostri alunni quanto la produzione alimentare sovente degrada o cancelli gli habitat naturali e contribuisca all’estinzione delle specie.

Questa inattività ci sta costando trilioni di dollari, ma, cosa più importante, i sistemi agroalimentari odierni stanno esponendo profonde disuguaglianze e ingiustizie nella nostra società globale. Tre miliardi di persone non possono permettersi diete sane, mentre sovrappeso e obesità continuano ad aumentare in tutto il mondo.

Il cambio di rotta

La pandemia di COVID-19 ha marcato il bisogno, ormai improrogabile, di un urgente cambio di rotta. Ha reso ancora più difficoltoso per gli agricoltori – già, da decenni, impegnati come sono a lottare contro l’aumento della temperatura e gli effetti che ciò determina – vendere i propri raccolti, intanto che l’aumento della povertà sta spingendo un numero crescente di residenti delle città a utilizzare le banche alimentari e milioni di persone hanno bisogno di aiuti alimentari di emergenza. Abbiamo bisogno di sistemi agroalimentari sostenibili in grado di nutrire 10 miliardi di persone entro il 2050.

Giornata Mondiale dell’Alimentazione

L’azione in Cento cinquanta Stati del mondo rende la Giornata mondiale dell’alimentazione uno dei giorni più importanti e meglio conosciuti del calendario delle Nazioni Unite. Nel mondo sono centinaia gli eventi e le attività di sensibilizzazione che riuniscono governi, imprese, ONG, media e pubblico in generale. Incoraggiano la cognizione e l’azione in tutto il pianeta per quanti soffrono la fame e per il bisogno di garantire un’alimentazione sana ed equilibrata per tutti.

Il #WorldFoodDay 2021

Il #WorldFoodDay 2021 è celebrato per la seconda consecutiva mentre gli Stati del mondo si occupano di quelli che sono, indubbiamente, gli effetti diffusi e catastrofici della pandemia da Covid-19 che ha mietuto, sul pianeta, milioni di vittime, più o meno giovani. È il momento di guardare al futuro che dobbiamo costruire insieme.

Cibo e ambiente

Secondo l’ONU per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), il volume globale dello spreco alimentare è stimato in 1,6 miliardi di tonnellate di “prodotti primari equivalenti”. Lo spreco alimentare totale per la parte commestibile di questo ammonta a 1,3 miliardi di tonnellate.

Con l’agricoltura che rappresenta il 70% dell’acqua utilizzata in tutto il mondo, lo spreco alimentare rappresenta anche un grande spreco di risorse idriche dolci e sotterranee. Si dice che un volume d’acqua circa tre volte superiore al volume del Lago di Ginevra venga utilizzato solo per produrre cibo che non viene mangiato. Buttando via un chilo di manzo, in pratica stai sprecando 50.000 litri di acqua che sono stati usati per produrre quella carne. Allo stesso modo, si sprecano quasi 1.000 litri di acqua quando si versa un bicchiere di latte nello scarico.

L’utilizzo del suolo

Se si guarda all’utilizzo del suolo, circa 1,4 miliardi di ettari di terra, circa un terzo della superficie agricola totale del mondo, vengono utilizzati per coltivare cibo sprecato. Milioni di galloni di petrolio vengono anche sprecati ogni anno per produrre cibo che non viene mangiato. Tutto ciò non tiene nemmeno conto degli impatti negativi sulla biodiversità dovuti ad attività come la monocoltura e la conversione di terre selvagge in aree agricole.

Perdita e spreco di cibo

Secondo la FAO, circa il 14% del cibo prodotto viene perso tra il raccolto e la vendita al dettaglio in tutto il mondo. Quantità significative vengono sprecate anche nella vendita al dettaglio ea livello di consumo. Il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) individua che il mondo produce già sufficiente cibo per sfamare tutti sul pianeta e nel recente Food Waste Index Report 2021 , oltre il 17% del cibo in totale viene sprecato.

Circa il 38% del consumo totale di energia nel sistema alimentare complessivo viene impiegato anche per produrre cibo che va perso o sprecato. Ancora, occorrono semi, terra e lavoro degli agricoltori per produrre cibo, per non parlare del carburante indispensabile per trasportarlo. Tutte queste risorse vengono perse quando il cibo viene sperperato.

Ancora, lo smaltimento delle perdite e dei consumi alimentari nelle discariche porta a emissioni di gas serra, contribuendo al cambiamento climatico. I responsabili politici possono perfezionare le probabilità di arrivare gli obiettivi climatici e limitare il riscaldamento globale a 1,5° Centigradi assumendo impegni più specifici per trasformare i sistemi alimentari nazionali.

Un’Unità di Apprendimento per parlare di cibo e di spreco

Nelle nostre scuole bisogna ritornare a parlare di spreco e di cibo. L’Unità di apprendimento multidisciplinare che proponiamo è quella della Classe 2C dell’Istituto Comprensivo Statale “Betty” Pierazzo di Noale, diretto con grande competenza dal Dirigente Scolastico la dottoressa Francesca Bonazza, dal titolo “La nostra alimentazione: un viaggio nel mondo del cibo”.

La nostra alimentazione un viaggio nel mondo del cibo

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO