Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

La metodologia didattica dada-Logica, in cosa consiste: dalla scuola del comando a quella del domando

WhatsApp
Telegram

Nel paradigma scolastico, la comunicazione rappresenta la capacità di saper mettere in comune con l’altro il nostro sentire e la nostra dimensione intima. L’approccio comunicativo genera l’incontro, il legame e l’appartenenza. La comunicazione è un ponte che unisce e fa evolvere la dimensione individuale e la relazione attraverso la dimensione del “noi”. Un clima relazionale positivo consiste su una comunicazione efficace basata sullo scambio, la disponibilità all’ascolto reciproco e la condivisione del progetto educativo. La scuola rappresenta un collante prezioso che fa coesistere le singole soggettività insieme alla dimensione dell’intersoggettività per generare fiducia nell’altro. I setting d’apprendimento risultano di fondamentale importanza perché permettono l’accoglienza attraverso questo incontro autentico.

Secondo questa visione, la DADA-Logica è un nuovo metodo d’insegnamento previsto dalle indicazioni nazionali del ministero dell’Istruzione e del Merito, che garantisce un apprendimento innovativo basato sulle ricerche nell’ambito delle neuroscienze, sui principi della psicologia relazionale e sui principi della gestalt esperienziali. Il nuovo modello didattico DADA- Logica viene applicato da diverse scuole del territorio nazionale secondo un modello d’insegnamento destinato alla scuola primaria.
Esso si basa sui principi dell’educazione emozionale, esperienziale e outdoor education. I principi fondamentali ruotano intorno alla promozione del benessere dell’alunno. Una girandola basata sul valore dell’ incontro, il principio di flessibilità, dello stare bene insieme, della libertà, del movimento, della collaborazione , del senso di responsabilità, dello sviluppo armonico della personalità di ogni alunno.

Secondo questa nuova prospettiva , il processo d’apprendimento rappresenta un’esperienza di crescita “olistica” che avviene grazie al corpo e alle stimolazioni che nascono dal contesto circostante in nuovi ambienti funzionali all’apprendimento. Gli alunni devono rimanere in contatto con la totale pienezza dell’esperienza, esplorando tutti gli aspetti della propria personalità. Vengono messi in discussione i vecchi schemi rigidi e diventa possibile rielaborare i percorsi d’apprendimento in soluzioni flessibili, stimolando l’adattamento creativo, l’autonomia personale, il riconoscimento dei talenti di ogni allievo. Lo spazio dell’incontro è concepito sul concetto di flessibilità e dinamicità che permette una maggiore originalità dell’alunno attraverso l’utilizzo di pannelli morbidi e arredamenti mobili che sono adattabili alle differenti attività proposte nell’arco della giornata scolastica.

Anche i tempi dell’apprendimento sono differenti perché rispondono alle esigenze degli alunni, valorizzando le azioni di uno e di tutti. Nelle aule morbide e nell’orto didattico gli alunni attuano laboratori esperienziali che soddisfano il senso di ricerca, il gusto alla scoperta, l’approccio alla realtà secondo questa nuova ottica di sperimentazione.
L’importanza degli spazi dà senso all’azione educativa superando la rigidità dell’aula scolastica attraverso la strutturazione di ambienti specifici che valorizzino tutti gli spazi della scuola che sono pensati secondo la logica del “grounding” e dell’importanza del qui e ora. Anche il contatto con gli elementi naturali accresce una nuova green education, finalizzata alla salvaguardia del pianeta.

Rispetto, gentilezza e consapevolezza sviluppano tutte quelle abilità sociali che ci permettono di stare bene con sé e con gli altri, secondo un’ottica inclusiva. Un bambino felice apprende meglio in una scuola che non è più quella del comando, ma quella del domando.

WhatsApp
Telegram

Corsi di inglese: lezioni ed esami a casa tua. Orizzonte Scuola ed EIPASS, scopri l’offerta per livello B2 e C1