“La maestra non si sposta!”, presidio all’USR Piemonte. CUB: aderiamo per scongiurare licenziamento di massa

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato CUB – La CUB Scuola Università Ricerca di Torino aderisce al presidio “La maestra non si sposta!” organizzato domani giovedì 3 maggio dalle 15 alla tarda serata a Torino di fronte all’Ufficio Scolastico Regionale.

Siamo ormai entrati nel quinto mese di mobilitazione delle insegnanti diplomate magistrali contro il primo licenziamento di massa nel pubblico impiego e contro la negazione del valore abilitante del diploma magistrale sulla cui base hanno spesso svolto decenni di servizio nella scuola pubblica.

Una vertenza difficile che si scontra con continui rinvii e con il rifiuto del precedente governo di assumersi la responsabilità di dare una riposta alle richieste delle colleghe.

Non siamo però disposti a cedere di un passo, il coordinamento Lavoratori della Scuola Uniti, al quale la CUB aderisce, ha già deliberato uno sciopero con manifestazione di fronte al Parlamento per mercoledì 23 maggio e il presidio di domani si colloca nel percorso che arriverà a questo sciopero e, in caso di mancanza di una risposta positiva, a nuove iniziative di lotta.

Per la CUB Scuola Università Ricerca
Cosimo Scarinzi

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione