La lezione del 2020 e gli sviluppi futuri della tecnologia per il settore educativo

Stampa

Stiamo vivendo un momento di radicale trasformazione nel modo in cui lavoriamo, insegniamo e apprendiamo, e la tecnologia si è dimostrata un fattore abilitante fondamentale nel mantenere la continuità didattica. Nel testo che segue andiamo ad analizzarne gli sviluppi futuri.

Guido Terni, Channel sales center & Education manager Lenovo per l’Italia

L’emergenza sanitaria ha imposto un cambiamento radicale nell’approccio all’insegnamento, obbligandoci a eseguire un esperimento globale di apprendimento a distanza – portando improvvisamente studenti, insegnanti, genitori e amministratori scolastici a esplorare un territorio sconosciuto, dove le famiglie e le scuole si sono trovate nell’immediata necessità di accedere a dispositivi tecnologici (PC, tablet) per mantenere la continuità didattica. Oggi vediamo emergere la necessità di tecnologie specificamente dedicate all’educazione (EdTech) che consentiranno di capitalizzare sull’esperienza dello scorso anno.

Nel 2021 il settore della tecnologia per l’educazione porterà avanti con rinnovata attenzione soluzioni di apprendimento personalizzato e di istruzione basata su progetti, nuove forme di valutazione e l’integrazione della tecnologia nell’erogazione delle istruzioni da parte degli insegnanti, nella gestione delle classi virtuali e nella collaborazione. In futuro, le tecnologie di riconoscimento vocale e computer vision consentiranno esperienze personalizzate e immersive che riflettono gli obiettivi, i punti di forza e le aree di miglioramento di ogni studente. Inoltre, immaginiamo l’interazione sensoriale e la tecnologia di posizionamento spaziale che consentono agli insegnanti di interagire a distanza con gli studenti in aree remote o rurali, facendoli interagire in tempo reale con modelli 3D attraverso dispositivi sensoriali. Le aziende di tecnologia avranno il compito di costruire dispositivi e sviluppare soluzioni che siano convenienti, accessibili e scalabili.

È interessante infine notare che l’apprendimento a distanza e ibrido potrà aiutare ad aumentare la popolarità degli eSport negli ambienti scolastici aiutando a ispirare l’interesse degli studenti verso le discipline STEM e a mantenere un livello di socializzazione mentre studiano separati.

Queste considerazioni non possono peraltro prescindere da un fattore abilitante fondamentale nel consentire interazioni stabili e affidabili: la connettività. Questa da un lato deve prevedere infrastrutture solide e una diffusione capillare delle connessioni veloci – fibra e 5G, dall’altro deve essere facilmente ed efficacemente gestibile dai dispositivi che studenti e insegnanti utilizzano in classe e a casa.

Il 5G non è “esploso” nel 2020 come si prevedeva, ma continuerà a trasformare il personal computing con un numero sempre maggiore di PC, oltre a tablet e smartphone che, grazie a questo nuovo paradigma, adotteranno la modalità always-on always-connected andando di fatto ad assimilare la modalità di utilizzo di un PC a quella di uno smartphone e offrendo la possibilità di lavorare non solo con il Wi-Fi.

Soprattutto nei contesti in cui più componenti della famiglia si trovano a essere online contemporaneamente, mentre lavorano e imparano da casa, questa tecnologia consente di non sovraccaricare la banda delle reti Wi-Fi domestiche. Inoltre, i dispositivi abilitati WiFi 6 e WiFi 6E, che consentono un aumento di velocità anche quando una rete Wi-Fi domestica è contemporaneamente connessa a più dispositivi, avranno maggiore diffusione. Con il crescere dei dispositivi abilitati al 5G, prevediamo che l’implementazione efficace dell’infrastruttura 5G e della copertura di rete richiederà tempo per continuare a migliorare fino al 2021 e oltre.

Ci troviamo oggi a operare in un contesto dove il nostro modo di lavorare, di studiare e di divertirci è cambiato radicalmente ed è in parte grazie alla tecnologia che avevamo a disposizione, se siamo riusciti a mantenere una continuità didattica. Abbiamo anche avuto l’occasione di sperimentare nuove tecniche di apprendimento e di fare tesoro delle lezioni che abbiamo appreso per utilizzare la tecnologia con efficacia sempre maggiore in futuro.

Stampa