La lettera della studentessa alla prof: “Abbiamo sofferto in Dad, ma a voi interessa solo interrogarci”

Stampa

Una studentessa, rappresentante di classe, di un liceo in provincia di Bologna, scrive alla professoressa, referente ai rapporti con gli studenti per tratteggiare la situazione di difficoltà palesata negli ultimi giorni. 

La lettera è stata pubblicata dell’edizione di Bologna de La Repubblica: “Buongiorno professoressa, le volevo dire a nome di tutta la mia classe che è emersa una situazione di stress e ansia generali: a partire dal momento in cui siamo tornati in presenza al 70% i prof hanno iniziato a caricarci di verifiche e interrogazioni come se nel periodo di Dad non avessimo lavorato”.

“Comprendiamo che sia il famoso ‘ultimo sforzo’ – continua – ma così ci sentiamo molto in difficoltà, anche perché in questo periodo si dovrebbe dare la possibilità di recuperare le insufficienze e concentrando così tante verifiche negli stessi periodi non solo chi aveva l’insufficienza non riesce a recuperare, ma anche chi in quella materia se la cavava rischia alla fine di avere il debito”.

Dopo che i compagni hanno provato a parlare con i singoli professori senza nessun risultato, la rappresentate ha deciso di mettere nero su bianco i disagi di tutti: “I professori devono considerare il fatto che ormai è da marzo 2020 che viviamo questa situazione di continue incertezze accentuata ancora di più dal fatto che l’anno scorso, quando c’è stato il primo lockdown, noi eravamo al primo anno di liceo e quindi siamo stati maggiormente ‘scossi'”

Stampa

Concorso STEM. Minicorso di inglese e informatica, simulatori disciplinari consulenze Skype. Nuovi percorsi rapidi, mirati e intensivi