La Lega: “Voto su sfiducia alla ministra Azzolina entro il 29 ottobre”. Il Senato dice no

Stampa

Respinta dall’Aula del Senato la proposta  del gruppo della Lega avanzata dal capogruppo Massimiliano Romeo, di inserire nella settimana dal 27 al 29 ottobre la mozione di sfiducia  del ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina.

L’Aula ha espresso voto negativo.

“Ancora una volta al Senato M5S, Pd, Iv e Leu votano contro la calendarizzazione della mozione di sfiducia al ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina per manifesta incapacità. Per le forze di maggioranza, quindi, ancora una volta le poltrone vengono prima dell’efficienza del sistema di istruzione. M5s, Pd, Iv e Leu si confermano corresponsabili di una situazione senza precedenti, che le veline ministeriali e le dichiarazioni fuori dalla realtà di Azzolina continuano a nascondere”, dichiara il senatore Mario Pittoni, responsabile Scuola della Lega e vice presidente della commissione Cultura a palazzo Madama.

“Mai era successo che a ottobre la scuola non avesse ancora gli insegnanti al loro posto (conseguenza del rifiuto, per motivi ideologici, del nostro piano di stabilizzazione già pronto a marzo). Nessuno degli impegni sul riavvio delle lezioni è stato rispettato: in troppe realtà oltre ai docenti continuano a mancare collaboratori scolastici, spazi, banchi, servizi e l’attività didattica fatica a partire. Senza contare che l’incertezza genera serie difficoltà di gestione delle dinamiche familiari per quanto attiene l’organizzazione dei tempi e la conciliazione degli impegni scolastici dei figli con il proprio lavoro”, conclude la nota.

La Lega accelera: presentata la mozione di sfiducia contro la ministra Azzolina. Ecco il testo [PDF] ANTEPRIMA

MOZIONE DI SFIDUCIA [PDF]

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia