La Lega contro “islamizzazione” delle scuole, Sasso: “Integrazione sì, sottomissione no”

WhatsApp
Telegram

Rossano Sasso, deputato della Lega, ha sollevato una polemica durante il Question Time al Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, denunciando quella che definisce “l’ipocrisia dell’estrema sinistra” e la sua presunta agenda di “islamizzazione” delle scuole italiane.

Sasso accusa la sinistra di aver promosso, nel nome dell’inclusione, la rimozione di simboli cristiani come crocifissi e presepi dalle scuole, mentre allo stesso tempo tollererebbe pratiche islamiche considerate discriminatorie nei confronti delle donne, come l’uso del velo.

Il deputato cita come esempio un recente corso in una scuola lombarda che insegna alle ragazze a indossare il velo, definendolo un tentativo di far integrare gli studenti italiani alla cultura musulmana, invece del contrario. Sasso critica anche la chiusura per Ramadan di una scuola a Pioltello, definendola un ulteriore passo verso la “sottomissione” alla cultura islamica.

Sasso si scaglia contro l’idea che le pratiche culturali debbano essere rispettate anche quando limitano la libertà individuale, come nel caso del velo o dei matrimoni combinati. Per il deputato, la Lega porta avanti una “battaglia identitaria e di libertà” che deve partire dalle scuole, dove gli insegnanti dovrebbero promuovere la libertà individuale piuttosto che l’accettazione di pratiche considerate oppressive.

Integrazione sì, sottomissione no è lo slogan che riassume la posizione di Sasso e della Lega, ribadendo la necessità di accogliere le diverse culture, ma senza rinunciare ai valori fondamentali della società italiana.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri