La gestione della scuola è viziata da scarsa scientificità. Lettera

Stampa

Inviata da Enrico Maranzana – Le zone d’ombra che intorbidiscono le attività scolastiche sono generate dall’assenza di un lessico univoco e condiviso. La parola “competenza” sarà il terreno su cui si svilupperà la dimostrazione.

Si tratta del concetto portante la gestione delle scuole: rappresenta il traguardo dei percorsi formativi scolastici.
L’ambiguità di cui si tratta deriva dal duplice punto di vista assunto: le competenze possono essere considerate entità aventi un proprio, autonomo significato o, in alternativa,
possono essere analizzate per identificarne le componenti, l’asse portante delle strategie educative.

La contrapposizione conoscenza/competenza, che aderisce alla prima ipotesi e che ricorre negli scritti che appaiono in rete sostenuti da una miriade di “mi piace”, è un’esplicita difesa sia della didattica tradizionale, sia della parcellizzazione degli insegnamenti.

Le competenze sono viste come corpi estranei, l’oggetto di percorsi addestrativi. A tale visione si contrappone quella analitica.

Come la mescolanza dell’ossigeno con l’idrogeno produce l’acqua, così l’interazione delle capacità/abilità con le conoscenze rende visibile il comportamento di chi sa affrontare e risolvere specifici problemi (competenza).

L’adesione alla prima o alla seconda congettura incide profondamente sull’organizzazione e sulla natura degli itinerari formativi e, in particolare, sul coordinamento didattico e sulla collegialità.

A titolo esemplificativo si consideri il conflitto che emerge nelle discussioni sull’insegnamento delle cosiddette lingue morte, latino e greco. Alla loro estraneità dalla
società moderna si contrappongono lo sviluppo e il potenziamento della capacità di definire problemi, di formulare ipotesi e di capitalizzare gli errori, qualità indispensabili per le attività di ricerca, attività essenziali per dominare la dinamicità e la complessità del mondo contemporaneo.

Stampa

Eurosofia: Analisi Comportamentale Applicata (ABA) tra i banchi di scuola. Non perderti questa grande opportunità formativa