La fuga dalla scuola pubblica italiana della famiglia finlandese e non solo. Lettera

WhatsApp
Telegram

Inviato da Carlo Schiattarella – La decisione della famiglia finlandese di ritirare i propri figli dalla scuola italiana perché obsoleta e la lettera che puntualmente la ha motivata sta suscitando o, meglio, sta riattivando un dibattito antico a cui purtroppo sembrano non seguire mai azioni politiche e civili significative e adeguate.

La fuga dalla scuola pubblica per le sue inefficienze è un fatto per quelle famiglie anche italiane che possono ancora permettersela; così come la fuga dalla sanità pubblica e, peggio ancora, dalle maglie di una sempre più farraginosa e ingiusta giustizia.

È inutile sottolineare che proprio qui si manifesta la crisi profonda della nostra democrazia, la quale va traducendosi in forme sempre più pericolose di astensionismo arrabbiato o apatico, di autoritarismo blando versato in reti di poteri oscuri ed incostituzionali.

La fine della scuola degli inchiodati alla sedia per sei o più ore, del congruo numero d’interrogazioni (regio decreto del 1925) presupporrebbe almeno tre azioni concrete (infatti i paradigmi teorici, didattici e pedagogici dibattuti negli ultimi decenni di certo non mancano):

1) L’elaborazione di un piano per l’edilizia scolastica ispirato ad un’architettura funzionale ad un’esatta, laboriosa e laboratoriale idea di scuola.

2) La revisione del modello dirigenziale che ha negli anni mostrato tutti i suoi limiti accompagnandosi di fatto al fallimento del progetto di autonomia sia didattica che finanziaria. La figura del DS, con il suo staff dell’autonomia, ha prodotto, altresì, tensioni e sprechi funzionali. Molti docenti, complici le inadeguate procedure concorsuali, sono stati immolati a funzioni delicate a cui forse non erano particolarmente vocati e ciò ha trascinato spesso le scuole in contenziosi indefiniti o in tragicomiche saghe paesane.

3) Infine, non ultime per importanza, la formazione e le procedure di selezione del corpo docente non possono continuare ad esistere così come sono esistite sinora. La scuola ha bisogno di docenti motivati, preparati e valorizzati sia dal punto di vista economicamente che sociale. Insomma, la scuola non può esistere ancora come semplice parco d’intrattenimento ed allentato ammortizzatore sociale.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur