La docente che ha fatto leggere il libro del generale Vannacci agli studenti: “Così sviluppano il pensiero critico”

WhatsApp
Telegram

Torna a parlare la docente di un liceo di Francavilla Fontana che nei giorni scorsi è finita dentro l’occhio del ciclone perchè ha consigliato agli studenti la lettura del libro “Il Mondo al contrario”, Il controverso best seller firmato dal generale dell’Esercito italiano Roberto Vannacci.

L’insegnante, in una lettera a Il Quotidiano di Puglia, risponde al comico Maurizio Crozza, che ha menzionato la scuola e la scelta dell’insegnante in uno dei suoi sketch di satira dedicato proprio al libro del generale Vannacci.

Il libro di Vannacci non è un libro adottato dalla mia scuola ma è una mia lettura estiva casuale e l’ho proposto ad una classe quinta che ne aveva sentito parlare“, spiega la professoressa che puntualizza come questo testo “ben si adattava, dal mio punto di vista,  ai percorsi di educazione civica che facciamo a scuola“.

Vuoi sapere il contesto?“, chiede a Crozza l’insegnante, “L’unità didattica del trimestre si chiama Pensiero critico e comunicazione al tempo dei social“.

E ancora: “Nelle due ore di riflessione che ho dedicato con gli studenti di quinta classe alla riflessione del libro di Vannacci, nel chiuso della mia aula, non hai idea di quale meccanismo fantastico si è innescato che hanno la loro applicazione di rassegna stampa sul cellulare“.

Con un po’ di allenamento – continua – sono in grado di trovare materiale di studio, discriminando le fonti, di confrontare le notizie, di esprimere un giudizio critico garbato, di farsi una loro idea. E il libro di Vannacci è presto dimenticato“.

“Il mondo al contrario” del generale Vannacci si studia a scuola. Gli studenti approvano: “Troviamo tesi e antitesi e soprattutto le fonti. Sviluppiamo un pensiero critico in vista della maturità”

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri