La Didattica per competenze al servizio delle Emozioni

di redazione

item-thumbnail

di Rosaria Frandina – Educare, educére, tirar fuori: che cosa? Le potenzialità insite a ciascun individuo attraverso processi consapevoli e partecipati, dunque gestiti!

“Imparare ad imparare”, competenza della Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio (2008), esorta la Scuola, olisticamente, al cambiamento qualitativo per adempiere al nobile compito cui è chiamata: formare l’Uomo, attraverso lo sviluppo personale, affinchè “diventi” un cittadino attivo, quindi incluso, competitivo e “occupato”.

Il discente, dunque, impara ad imparare grazie all’azione, strategicamente, pianificata, programmata ed agita dalla Scuola attraverso processi realizzabili e percorsi fattibili in cui si possa sperimentare e riconoscere.

Sperimentare per tentativi ed errori? Anche, ma non solo!

Sperimentare l’interdipendenza e la collaborazione contro ogni forma di discriminazione, l’alleanza e la sinergia per favorire l’assunzione di atteggiamenti preventivi finalizzati all’utilità individuale e collettiva; sperimentare, allora, le potenzialità e i limiti per scoprirsi risorse, riconoscendosi in tutti i propri comportamenti compresi quelli, eventualmente, da modificare nell’ottica del miglioramento permanente: tutti siamo perfettibili!

Eppure, spesso, ci si conosce solo attraverso gli altri, spendendo parte, o gran parte, dell’esistenza “annaspando”, tra i meandri delle situazioni e delle interrelazioni, alla ricerca di capire” chi si è” e come “si è fatti” per orientarsi verso la meta maggiormente rispondente alla propria personalità.

Compito arduo che, purtroppo, a volte, sacrifica preziose opportunità di crescita costruttiva e proficua  atta a realizzare un progetto di vita utile a sè stessi e alla collettività.

I discenti, alfabetizzati emotivamente, sono, concretamente, aiutati a riconoscersi e a farsi  riconoscere per quello che, complessivamente, sono maturando una “forma mentis” ed un “modus operandi” attivi che spendono, in modo naturale.

Aver imparato a conoscere sè stessi, in tutte le dimensioni, prima di tutto quella interiore, quella delle emozioni e dei sentimenti che rendiamo manifesti in tutte le azioni della quotidianità, quella che ci fa essere Uomini è la positiva rendicontazione del Successo formativo!

Vai ai corsi su Intelligenza emotiva e didattica

Invia la tua risorsa o un tuo intervento su argomento didattica a: [email protected]
Versione stampabile