La bella iniziativa di un liceo di Catania: i banchi dismessi donati alle associazioni che operano nel sociale

Stampa

Una scuola superiore di Catania riutilizza i vecchi banchi scolastici biposto sostituiti da quelli monoposto arrivati con l’emergenza Covid-19.

Il liceo “Turrisi Colonna” ha deciso di donare i banchi in buone condizioni alle associazioni che operano nel sociale.

La prima richiesta è arrivata dall’”Associazione Cappuccini Onlus”, che ha presentato richiesta e ottenuto la donazione di banchi biposto per 200 persone verso la loro sede operativa dove si organizza doposcuola gratuito per gli studenti di ogni ordine e grado. Poi altri 28 banchi biposto alla Parrocchia S.Croce del Villaggio S. Agata dove padre Alfio Carbonaro si impegna quotidianamente per dare nuove occasioni agli abitanti del quartiere, a partire dalla catechesi e dall’organizzazione di corsi gratuiti per adulti in cerca di occupazione. Un’altra donazione è stata fatta su richiesta della Parrocchia S.Maria di Valverde per poter accogliere più di 170 persone nell’ambito di progetti Onlus gratuiti che Padre Simon Nei Màrcio offre alla comunità.

Così il dirigente scolastico, Emanuele Rapisarda: “Con alcuni docenti della scuola si è parlato delle richieste delle associazioni che lavorano sul territorio e spesso anche con i nostri stessi alunni; abbiamo comunicato la nostra disponibilità a donare i banchi ormai sostituti da quelli monoposto”.

E ancora: “Abbiamo intravisto la possibilità di un’azione concreta rivolta verso il territorio  nella speranza che davvero non resti nessuno indietro. Quest’operazione produce un triplice vantaggio: i donatori risparmieranno i costi legati alla distruzione dei beni (carico, trasporto, costo della discarica) risparmiando soldi pubblici e proteggendo gli scarsi bilanci di gestione delle scuole; i beneficiari potranno utilizzare beni che diversamente avrebbero dovuto acquistare; si eviterà un impatto ecologico negativo, ma soprattutto consentirà che i beni dismessi diventino azione concreta di solidarietà, tangibile testimonianza di coerenza rispetto agli insegnamenti che vogliamo lascino il segno e che sono lo spirito del nostro liceo”.

Stampa

Tfa sostegno VI ciclo: cosa studiare? Parliamone con gli esperti il 29 luglio