La battaglia di Sara per suo figlio: “Cambiati già 4 docenti, così non è scuola”. L’appello alle famiglie: “Uniamoci per cambiare il sistema”

WhatsApp
Telegram

Sui social è diventato virale l’appello di Sara, mamma 34enne, di Alessandro, alunno con disabilità. Nel giro di tre anni ha cambiato tre scuole e quattro insegnanti solo quest’anno.

Una situazione che mette in luce la sfida di molte famiglie che devono confrontarsi con un sistema scolastico non sempre preparato.

Sara ha condiviso il suo sfogo su Facebook dopo l’ennesimo cambiamento di insegnante. Una situazione che ha fatto emergere la necessità di insegnanti formati e preparati per sostenere bambini come Alessandro. La sua battaglia non è solo per il figlio, ma è un appello rivolto a tutte le famiglie in situazioni simili.

Alessandro ha ricevuto una diagnosi precoce. Nonostante ciò, l’esperienza scolastica del figlio è stata discontinua. L’inclusione nella scuola dell’infanzia ha presentato difficoltà, come la mancanza di formazione specifica degli insegnanti o la mancanza di continuità. Ogni cambiamento ha avuto un impatto significativo su di lui.

Le parole della mamma al Corriere della Sera: “Noi nella scuola ci troviamo benissimo, ci siamo subito sentiti accolti e hanno fatto il massimo per dare ad Alessandro la figura di cui ha bisogno, ma la continuità non dipende solo da loro. A settembre quando la scuola è iniziata il sostegno non era ancora stato assegnato dal ministero e dunque la funzione strumentale ci ha aiutato in tutti i modi cercando di incastrare due insegnanti in forma provvisoria, abbiamo fatto anche due settimane di orario ridotto: mentre gli altri bambini erano a scuola Alessandro tornava a casa. Poi un giorno Alessandro è uscito con un’insegnante nuova, la terza, in teoria quella definitiva assegnata dal ministero. È stato però subito chiaro a tutti che non era in grado di gestire il bambino, mi hanno raccontato che una volta nel tentativo di rincorrerlo mentre scappava dalla classe sarebbe pure caduta e quindi la scuola mi ha comunicato che ad Alessandro ne hanno assegnata un’altra, la quarta, che però arriverà tra 21 giorni visto che adesso è in malattia. Io non ce la faccio più, a vedere Alessandro uscire da scuola così, spaesato e confuso”

La continuità è essenziale per bambini come Alessandro. Eppure, come Sara racconta, le scuole spesso non riescono a garantire questo aspetto fondamentale. La frequente sostituzione di insegnanti contribuisce a un ambiente di apprendimento instabile.

Il desiderio di Sara è quello di trovare una scuola che possa garantire la migliore istruzione possibile per Alessandro. E non è solo una preoccupazione per il presente, ma anche per il futuro del figlio, temendo che un giorno possa trovarsi in un ambiente dove la priorità non sia il suo benessere e sviluppo.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri