“La 107 deve essere smontata senza se e senza ma”. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Libero Tassella – Faccio mie le parole scritte sul gruppo Professione Insegnante, il più grande gruppo facebook di insegnanti in Italia aperto a tutti, dall’ ex segretario generale della Flc Cgil  Domenico Pantaleo. ” La 107 deve essere abolita senza se e senza ma”.

Per la prima volta un DDL, dall’inizio della legislatura, quello che ha come prima firmataria la Senatrice Bianca Laura Granato che viene dalla scuola militante, insegnante catanzarese ha lottato in questi anni contro la 107/ 2015 e conosce i guasti che questa legge ha arrecato alla scuola, forse più dei tagli della Gelmini, va deciso al suo scopo.

Ma non basta. Ora senza se e senza ma , come dice Pantaleo, occorre insistere, bisogna andare oltre ogni tentennamento, ogni temporeggiamento, la 107 altrimenti detta Buona Scuola deve essere annullata e annullati tutti i suoi effetti che noi donne e uomini d scuola conosciamo.

La strada è lunga ed impervia, ma bisogna ricordare che molti insegnanti italiani il 4 marzo per la prima volta hanno avuto e saputo fare una diversa scelta di campo, spostando il loro voto tradizionalmente appannaggio da decenni del PD e prima ancora dei partiti da cui il PD è disceso, partito che con Renzi, Giannini e Fedeli, Malpezzi e Puglisi ha fatto di tutto e di più per perderlo.

Come per il.reddito di cittadinanza e la quota 100 questo é un altro impegno, meno sotto gli occhi dei riflettori certo che il governo cosiddetto gialloverde dovrà saper onorare.

Versione stampabile
anief
soloformazione