L’Ue e la stabilizzazione dei precari

di Lalla
ipsef

inviato in redazione – Il SAESE con nota del 16/07/2013 ha inviato delle osservazioni all’Ue in merito al precariato nelle scuole italiane. Il sindacato ha chiesto all’Europa di stabilizzare il lavoro dei docenti sia abilitati che non abilitati che hanno un contratto a tempo determinato da almeno tre anni.

inviato in redazione – Il SAESE con nota del 16/07/2013 ha inviato delle osservazioni all’Ue in merito al precariato nelle scuole italiane. Il sindacato ha chiesto all’Europa di stabilizzare il lavoro dei docenti sia abilitati che non abilitati che hanno un contratto a tempo determinato da almeno tre anni.

Con nota del 06/12/2013 l’amministrazione europea risponde che le osservazioni dell’OS sono state inserite nel fascicolo di procedura d’infrazione 2010/2124 concernente l’efficacia di mezzi alternativi, sotto forma di risarcimenti e campagne di stabilizzazione, per lottare contro i rinnovi abusivi che l’Italia ha previsto in questo campo.

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare