ITP in II fascia: non è colpa nostra se è richiesto il diploma come titolo d’insegnamento. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Inviato da Cristina Tarchi (ITP) – Gentile redazione Orizzonte Scuola, in questi giorni, sono sempre più insistenti, proteste e accuse,verso i docenti ITP inseriti con ricorso in seconda fascia, da parte dei docenti plurititolati.

Sono anche io una docente ITP con 41 anni di servizio. Questa categoria di docenti è inclusa in classi di concorso per le quali non esistono corsi di laurea, quindi non vedo quale sia la colpa o che cosa tolgono ai docenti con titoli che danno accesso ad altre classi di concorso per le quali é prevista la laurea. Gli insegnanti tecnico pratici , trasmettono insegnamenti pratici laboratoriali che sono completamente diversi da quelli teorici e classici.

La possibilità, poi ,che questi docenti a inizio anno scolastico, per esigenze scolastiche, possono essere utilizzati sul sostegno, non avviene perché ne fanno richiesta ma perché occorre coprire il servizio e certamente lo fanno con coscienza e rispetto degli alunni. Ho avuto tanti alunni con sostegno in questi anni che proprio perché le nostre discipline hanno quest’aspetto pratico hanno mostrato interesse e desiderio di imparare.

E, lasciatemelo dire ,voi docenti di sostegno , non gradite molto essere presenti in classe quando ci sono gli insegnamenti laboratoriali, infatti noi stiamo sempre da soli con i nostri alunni .

Ora smettiamola con queste recriminazioni , non fanno bene a nessuno. La scuola non ha i problemi che ha perché ci sono gli ITP, il nostro percorso nella scuola è diverso dal vostro, non vi togliamo niente, i problemi sono a monte. Io ho cominciato ad insegnare che ero diplomata da un anno e ho imparato facendo formazione ,studiando dal primo giorno e non ho ancora smesso.

Quanto detto vale anche per i docenti laureati che sono alla prima esperienza nella scuola, anche se hanno dottorati e master di alto livello, una cosa sono i titoli un’altra cosa é stare in classe con gli alunni.

Un giovane diplomato che decide di entrare nella scuola come ITP , fa una scelta che ha alla base la sua esperienza scolastica , la sua esperienza vissuta proprio con i docenti ITP, che gli hanno fornito la formazione iniziale per svolgere questo compito.

Versione stampabile
anief
soloformazione