Italiano alla prima classe della primaria con le nuove tecnologie. Metodologia standard e innovativa, con esempi

WhatsApp
Telegram

Corso di formazione professionale per docenti, organizzato e certificato da SO.GE.S (Società del gruppo Orizzonte Scuola), ente accreditato al Miur ai sensi della direttiva 170/2016

Presentazione dell’iniziativa formativa

Nelle 3 video lezioni vengono illustrate, attraverso la visualizzazione di slide e link a risorse aggiuntive, le strategie, le modalità e i contenuti per insegnare italiano in una classe prima anche con le nuove tecnologie. Inserire app, software, applicativi nella didattica quotidiana rende le lezioni interessanti, motiva e incuriosisce gli allievi. Pur uscendo dalla cosiddetta “zona di comfort”, il tutto diventa accattivante e ludico. In un periodo storico, come questo,  in cui DAD e DDI diventano necessarie, imparare ad usare le nuove tecnologie per arricchire la didattica tradizionale è utile sia per il corpo docente che per gli alunni.

Italiano con le nuove tecnologie

Ci viene chiesto, oggi, di insegnare in tanti modi diversi e con l’ausilio di  metodologie e strumentazioni appropriate Gli insegnanti hanno bisogno di formarsi continuamente per stare al passo coi tempi, per acquisire nuove competenze, anche digitali. Il mondo del web è vasto e fuorviante, necessita di accurate selezioni per garantire al proprio percorso didattico un adeguato carico di strumenti, app e metodologie che rispondano alle esigenze di ogni singolo docente.Insegnare italiano con le nuove tecnologie è possibile, sia in DAD, che in presenza. La robotica educativa, le app e i software, utilizzati come strumenti, aiutano il processo di insegnamento-apprendimento. In questo percorso vengono presentati applicazioni e software utili alla didattica.  Il corso vuole offrire competenze esecutive e didattiche per riuscire ad utilizzare, durante la didattica a distanza, ma anche quella in presenza, strumenti, percorsi e metodologie innovative che vadano incontro alle esigenze di tanti docenti e alunni.

Vai alla descrizione completa

WhatsApp
Telegram