“Italia zona rossa fino al 6 gennaio”: la proposta del Governatore Zaia (Veneto). Il Governo ci pensa

Stampa

In base a quanto apprende l’Agi, il Governo sarebbe in effetti d’accordo: Italia in zona rossa dal 24 dicembre al 7 gennaio per mettere il Paese in sicurezza. Il presidente del Veneto Zaia aveva chiesto durante il vertice misure rigide fino alla befana. La proposta avrebbe l’ok di altri Governatori oltre che dei Ministri Speranza e Boccia.

“Italia zona rossa fino al 6 gennaio”. All’incontro governo- Regioni in corso nella mattinata del 16 dicembre, il governatore del Veneto, Luca Zaia, a quanto si apprende, avrebbe proposto “misure restrittive da zona rossa fino all’epifania“. A quanto pare, diverse le regioni che si sarebbero dette favorevoli. Tra l’altro, tra gli intervenuti a sostegno di maggiori restrizioni sarebbero il Lazio, Fvg, Molise e Marche.

Covid, vertice Governo-Regioni: si decide sulle misure per Natale

Nel periodo delle festività – avrebbe detto Zaia – servono restrizioni massime, e se non le fa il governo le facciamo noi. La Germania è in lockdown, ha ragionato il governatore, e a gennaio è pronta a ripartire e se non chiudiamo tutto adesso ci ritroveremo a gennaio a ripartire con plateau troppo alto. Servono però – ha chiesto – ristori certi in parallelo alle chiusure“.

Inoltre, la posizione del presidente del Veneto – sempre a quanto si apprende – sarebbe condivisa anche dai ministri Boccia e Speranza. Il che andrebbe a confermare quanto anticipato in precedenza, ovvero che l’asse Speranza-Boccia-Franceschini sembra orientato a misure più severe durante il periodo natalizio.

In base a quanto apprende l’Agi, il Governo sarebbe in effetti d’accordo: Italia in zona rossa dal 24 dicembre al 7 gennaio per mettere il Paese in sicurezza.

 

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur