Italia zona rossa: ecco le possibili date dei blocchi

Stampa

Il Governo si prepara a definire la strategia per la chiusura del periodo natalizio. Scongiurato, a quanto pare, il blocco totale 24 dicembre-6 gennaio, così come il blocco del weekend 19-20 dicembre. Nelle prossime ore si definirà il quadro.

Il quadro è ancora da definire ma la strada sembrerebbe essere questa: stretta su 24, 25, 26 e domenica 27 dicembre. Poi ancora 31 dicembre e 1 gennaio. Più 2 e 3 gennaio, un sabato e una domenica.

Sono i giorni di blocchi previsti per i giorni di festività natalizie, che dovrebbero confluire in un nuovo Dpcm da emanare nei prossimi giorni.

Se questa linea dovesse essere confermata, non ci sarà quindi un blocco continuo dal 24 dicembre al 6 gennaio, come si era paventato nella giornata di ieri, ma una stretta più rigida solo nei giorni “caldi” del periodo di festa.

Rientro a scuola il 7 gennaio in bilico, Conte: lavoriamo su trasporti e orari, le aule non sono focolaio

Salvo il weekend 19-20 dicembre

In questo quadro, sarebbe salvo anche il prossimo weekend: si era paventata l’ipotesi di avviare un blocco già dal 19-20 dicembre, pensando addirittura di anticipare le vacanze di Natale delle scuole. Questa ipotesi, al momento, è stata scartata a quanto pare.

Pertanto, ci si potrebbe muovere tra le regioni inserite nella zona gialla mentre l’arrivo o la partenza da aree arancioni o rosse sarà possibile per i soli residenti.

Il governo sarebbe orientato a non limitare gli spostamenti nelle prossime ore per evitare i ‘grandi esodi’ delle feste, come lamentato da alcuni governatori che chiedevano un giro di vite.

Giornata chiave?

Nelle prossime ore sono previsti altri vertici importanti che andranno a definire la strategia: un nuovo incontro Governo-Regioni, dopo quello della giornata di ieri. E un incontro fra il premier Conte e la Ministra Bellanova di Italia Viva sulla tenuta politica del Governo ma che affronterà certamente anche il tema delle restrizioni per Natale.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur