In italia la percentuale di Neet più alta d’Europa (23,9%)

di Giulia Boffa
ipsef

Red – Secondo l’ultimo rapporto annuale dell’Istat sono oltre due milioni (2.250.000) i Neet in Italia, cioe’ i giovani tra i 25 e i 29 anni che non lavorano e non studiano, e in molti casi si tratta di mamme.

L’occupazione e’ in calo soprattutto per i ragazzi under 30.

Inoltre l’Italia ha la quota di Neet piu’ alta d’Europa (23,9%).

 Nel solo 2012 il numero di Neet e’ ulteriormente aumentato di 95 mila unita’ (4,4%) mentre dal 2008 l’incremento e’ stato del 21,1% (+391mila giovani).

Red – Secondo l’ultimo rapporto annuale dell’Istat sono oltre due milioni (2.250.000) i Neet in Italia, cioe’ i giovani tra i 25 e i 29 anni che non lavorano e non studiano, e in molti casi si tratta di mamme.

L’occupazione e’ in calo soprattutto per i ragazzi under 30.

Inoltre l’Italia ha la quota di Neet piu’ alta d’Europa (23,9%).

 Nel solo 2012 il numero di Neet e’ ulteriormente aumentato di 95 mila unita’ (4,4%) mentre dal 2008 l’incremento e’ stato del 21,1% (+391mila giovani).

I Neet sono per lo più donne casalinghe, molte italiane con figli nelle regioni del Sud e le straniere con figli al Centro-Nord, soprattutto marocchine e albanesi.
 
Tra i giovani che vivono ancora in famiglia, l’incidenza e’ piu’ alta tra gli uomini .

 

Versione stampabile
anief anief
soloformazione