Italia 150: il nuovo anno scolastico di Esperienza Italia per le scuole

di Lalla
ipsef

Comunicazione per l’Ufficio Formazione e Didattica del Comitato Italia 150 – I festeggiamenti per i 150 anni dell’unità italiana hanno avuto un centro nevralgico – Torino- e un centro tematico: i giovani e la scuola.
Il Comitato Italia 150, nato con l’obiettivo di organizzare e promuovere le iniziative celebrative legate a questo importante compleanno del nostro Paese, ha infatti deciso di puntare su bambini e ragazzi, protagonisti del futuro del Paese, offrendo al mondo della scuola un ricco programma di iniziative speciali.

Comunicazione per l’Ufficio Formazione e Didattica del Comitato Italia 150 – I festeggiamenti per i 150 anni dell’unità italiana hanno avuto un centro nevralgico – Torino- e un centro tematico: i giovani e la scuola.
Il Comitato Italia 150, nato con l’obiettivo di organizzare e promuovere le iniziative celebrative legate a questo importante compleanno del nostro Paese, ha infatti deciso di puntare su bambini e ragazzi, protagonisti del futuro del Paese, offrendo al mondo della scuola un ricco programma di iniziative speciali.

Una scelta di campo che ha premiato le due sedi principali dei festeggiamenti, La Venaria Reale e le Officine Grandi Riparazioni con un totale di 90.000 studenti per La Venaria e 73.000 studenti per le Officine.
Tra le motivazioni principali di questo successo c’è sicuramente il ricco programma di attività ed eventi, di cui sono state previste declinazioni diversificate in base all’età e alle attitudine dei giovani visitatori: dai bambini delle scuole elementari ai gruppi estivi coordinati, dagli studenti di scuola superiore ai ragazzi parte di importanti progetti di internazionalizzazione, come il Comenius.

Le tre mostre allestite presso le Officine Grandi Riparazioni (Fare gli Italiani, Stazione Futuro e Artieri domani), così come quella organizzata nel contesto de La Venaria Reale (La bella Italia) sono state pensate per coinvolgere studenti e insegnanti in modo multi sensoriale e proattivo, inducendoli a partecipare alla riscoperta e alla conoscenza dell’Italia di ieri e di domani, attraverso percorsi strutturati ad hoc dalle guide, oppure autonomamente organizzati, grazie anche all’immediatezza e alla densità delle singole esposizioni.

L’esperienza off-line ha poi trovato sostanza e approfondimento anche on-line grazie alla realizzazione di due piattaforme interattive: 150 Digit| L’Italia delle scuole (www.150digit) e Dida Lab (www.didalab.it), create per corroborare e amplificare quanto vissuto visitando le mostre e partecipando ai laboratori, trasformando così il social networking in strumento educativo efficace, nuovo e coinvolgente.

Dopo gli ottimi risultati di questi primi 6 mesi, si riparte dunque a settembre, con la ripresa di tutto il palinsesto di Esperienza Italia per le scuole:visite guidate e percorsi di approfondimento alle mostre di Venaria Reale e delle Officine Grandi Riparazioni, laboratori ludico didattici alla Venaria Reale e un calendario quotidiano di laboratori e attività, che hanno sede in un’apposita area di duemila metri quadrati alle Officine Grandi Riparazioni chiamata Spazio Scuole.

I sette laboratori di Spazio Scuole – visitati tra marzo e giugno da 22.000 studenti – rientreranno in funzione con l’apertura del nuovo anno scolastico, con la ormai consolidata struttura e divisione in Laboratori Permanenti (a pagamento) e Laboratori Esperienza (gratuiti). Insieme, ripartirà anche il calendario eventi dell’Area Incontri sede di spettacoli, workshop e della rassegna teatrale Ragazze e Ragazzi d’Italia a cura di Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani.

RAGAZZI E BAMBINI A ESPERIENZA ITALIA: I NUMERI DEL PUBBLICO SCOLASTICO
dati aggiornati al 12 giugno 2011

73.000: ragazzi alle Officine Grandi Riparazioni (tra laboratori, spettacoli e workshop)
110.000: ragazzi alla Reggia di Venaria
46.228: ragazzi in visita alle tre grandi mostre di Officine Grandi Riparazioni
10.000: partecipanti alle attività dello Spazio incontri                                   
9.000: partecipanti ai laboratori Permanenti                            
8.000: partecipanti ai laboratori Esperienza

LA PROVENIENZA DEL PUBBLICO SCOLASTICO ALLE OFFICINE GRANDI RIPARAZIONI
dati aggiornati al 12 giugno 2011

20.446: dal Piemonte
13.632: dalla Lombardia
2.945: dal Veneto
2.534: dalla Liguria
2.221: dalla Puglia
1.830: dall’Abruzzo
1.758: dal Lazio
1.734: dall’Emilia Romagna
1.697: dalla Sicilia
1.596: dalla Toscana
1.376: dalle Marche
1.138: dalla Campania
852: dall’Umbria
719: dalla Repubblica di San Marino
571: dalla Calabria
555: dalla Basilicata
466: dal Friuli Venezia Giulia
434: dal Trentino
302: dalla Sardegna
213: dalla Valle d’Aosta
80: dal Molise

L’ETÀ DEL PUBBLICO SCOLASTICO ALLE OFFICINE GRANDI RIPARAZIONI
45 % degli studenti tra gli 8 e gli 11 anni
35 % degli studenti tra i 12 e i 14 anni
20 % degli studenti tra i 15 e i 19 anni

I PROSSIMI APPUNTAMENTI PER SCUOLE E GIOVANI ALLE OFFICINE GRANDI RIPARAZIONI

>> 8 – 9 SETTEMBRE 2011 convegno nazionale Storia e storie dell’analfabetismo, organizzato dal Centro Maestro Manzi di Bologna in collaborazione con: Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, Biblioteche Civiche della Città di Torino e Comitato Italia 150.
Giovedì 8 settembre presso la Biblioteca Nazionale Nazionale di Torino
Venerdì 9 settembre presso la Sala Duomo delle Officine Grandi Riparazioni

>> 12 -13 OTTOBRE 2011 convegno e premiazione del concorso nazionale In viaggio con le fiabe Italiane di Italo Calvino indetto dal Comitato Italia 150 e dal Ministero dell’Università, dell’Istruzione e della Ricerca.
Mercoledì 12 ottobre al Palazzo dell’Università degli Studi di Torino
Giovedì 13 ottobre presso la Sala Duomo delle Officine Grandi Riparazioni

Inoltre, le prime 150 CLASSI che prenoteranno un’attività a pagamento (ingresso alle mostre) presso le Officine Grandi Riparazioni potranno beneficiare di una visita guidata gratuita alla mostra Fare gli Italiani o alla mostra Stazione Futuro.
Il costo dei biglietti di accesso sarà a carico delle singole classi.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione