It-Alert, alle 12 hanno suonato tutti i cellulari in Sicilia: tutte le info utili sul monitoraggio. FAQ

WhatsApp
Telegram

Mercoledì 5 luglio alle 12:00, tutti i dispositivi mobili in Sicilia hanno ricevuto un messaggio IT-Alert, un servizio d’allarme pubblico ideato dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile.

L’obiettivo è avvisare tempestivamente la popolazione in caso di gravi emergenze o pericoli imminenti. Questo rappresenta un punto di svolta nella gestione delle emergenze a livello nazionale, con la sperimentazione in corso non solo in Sicilia, ma in altre quattro regioni. La prossima regione sarà la Calabria, venerdì 7 luglio.

Il servizio IT-Alert utilizza la tecnologia cell-broadcast, capace di inviare messaggi a gruppi di celle telefoniche geograficamente vicine. Questo sistema permette di delimitare un’area in linea con quella interessata dall’emergenza. Una caratteristica importante è che la tecnologia cell-broadcast funziona anche con campo limitato o in caso di saturazione della banda telefonica, mantenendo inalterati i livelli di privacy.

Nonostante i molteplici vantaggi, la Protezione Civile sottolinea alcune limitazioni della tecnologia cell-broadcast. In particolare, potrebbe verificarsi l'”overshooting”, ovvero l’arrivo del messaggio anche a utenti fuori dall’area interessata. Allo stesso modo, in aree senza copertura, il messaggio potrebbe non essere recapitato. Inoltre, i dispositivi spenti o senza campo non riceveranno l’IT-Alert, e se la suoneria è impostata in modalità silenziosa, potrebbero non suonare.

È importante ricordare che, in alcuni casi, l’utilizzo di versioni obsolete del sistema operativo può ostacolare la ricezione dei messaggi IT-Alert. Queste limitazioni, tuttavia, non oscurano l’importanza del servizio IT-Alert come strumento per migliorare la sicurezza e la protezione delle persone in caso di emergenze.

Il sistema «IT-alert» sarà pienamente operativo a partire da febbraio 2024, rappresentando un passo in avanti significativo per la sicurezza pubblica in Italia.

FAQ

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri