Istruzione professionale, Rete Studenti Medi: preoccupati posizione Confindustria

Stampa

Comunicato Reti Studenti Medi – Apprendiamo da poco di un comunicato di Confindustria, rilasciato in seguito all’audizione davanti alla commissione cultura della Camera, in merito alla delega riguardante i percorsi di Istruzione e Formazione Professionale.

In merito Giammarco Manfreda, Coordinatore Nazionale della Rete degli Studenti Medi, dichiara: ”Troviamo la posizione espressa da Confindustria estremamente preoccupante. Nelle dichiarazioni rilasciate si legge la volontà di una riforma più forte e radicale che veda l’alternanza scuola lavoro ricoprire addirittura il 50% dell’offerta formativa. Sebbene crediamo che la delega vada nel suo complesso a rispondere alle esigenze delle studentesse e degli studenti che scelgono questo tipo di percorso formativo, dando maggiore importanza alle materie d’indirizzo, abbiamo mosso alcune criticità che non possono essere ignorate: la possibilità di attivare i percorsi di apprendistato, e quindi mettere sotto contratto gli studenti, sin dal secondo anno del primo biennio è una mossa rischiosa e che vogliamo venga eliminata, inoltre mancano ancora adeguati finanziamenti per la messa in sicurezza e l’effettiva fruibilità degli spazi e degli strumenti laboratoriali.”

Continua Manfreda: ”Se il Governo dovesse prendere veramente in considerazione le parole di Confindustria, si metterebbe fortemente a rischio il percorso didattico degli studenti. Sebbene infatti chi frequenta questi percorsi è più incline ad un inserimento quasi immediato nel mondo del lavoro o dell’alta formazione, riteniamo impensabile privare le studentesse e gli studenti di una formazione di base necessaria per la crescita del cittadino secondo i valori della costituzione, necessaria per la crescita culturale di tutte e di tutti e se si dovessero accogliere le suddette richieste, provenienti da chi inevitabilmente assume come prioritarie le logiche del profitto, il rischio di andare in questa direzione diventerebbe troppo alto.”

Dopodomani saremo ascoltati dalle commissioni Parlamentari alla Camera e porteremo le nostre richieste, già avanzate durante l’ultimo incontro del Forum delle Associazioni Studentesche con la Ministra Valeria Fedeli. Ci auguriamo una fase di dialogo che sia proficua e che tenga veramente conto delle posizioni della componente studentesca.


Giammarco Manfreda

Istruzione professionale, Confindustria: percorsi di 4 anni e 50% sia apprendistato

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur