Istruzione in carcere: 34% dei detenuti è inserito in percorsi formativi, il 3% è iscritto all’Università. Tutti i dati

WhatsApp
Telegram

Il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria ha fornito dati aggiornati relativi agli spazi adibiti a attività lavorative e formative all’interno degli istituti penitenziari italiani. Al 15 marzo 2024, su 189 istituti, 164 hanno fornito informazioni pertinenti, rappresentando l’86% del totale. All’interno di questi istituti sono stati censiti 627 spazi, di cui 365 attivi e 262 inattivi, delineando un quadro dove il 60% degli spazi è operativo mentre il 40% risulta non utilizzato.

Durante il convegno del Cnel a Roma, è stata data particolare attenzione agli ambienti destinati all’istruzione e formazione dei detenuti. Una rilevazione su 170 istituti ha mostrato che il 31,8% dispone di aule didattiche per l’istruzione di primo e secondo grado e terziaria. In particolare, 54 istituti offrono 602 aule per scuole secondarie, con il 56,5% di queste cablate per uso didattico, mentre 112 aule universitarie registrano una percentuale di cablaggio del 55%. Per l’istruzione primaria e secondaria, il 64,7% degli istituti dispone di 555 aule, ma 6 istituti non hanno aule didattiche, equivalente al 3,5% del totale osservato.

Per l’anno scolastico 2022-2023, il 34% dei detenuti ha partecipato a corsi di istruzione interni alle carceri, con una percentuale del 45% di promossi tra gli iscritti. La formazione professionale ha interessato il 6% dei detenuti nel 2023. L’anno accademico 2023/2024 ha visto 1.707 detenuti iscritti all’università, meno del 3% del totale. Sul fronte lavorativo, nel 2023, il 33% dei detenuti era coinvolto in attività lavorative, con 19.153 individui impiegati, ma solo l’1% lavorava per imprese private e il 4% per cooperative sociali. L’85% lavorava per l’amministrazione penitenziaria, spesso per periodi limitati di tempo.

La maggior parte dei detenuti impiegati dall’amministrazione penitenziaria, l’82,5%, svolge servizi d’istituto. La scarsa offerta di opportunità lavorative esterne per i detenuti implica una perdita potenziale per il Pil fino a 480 milioni di euro, evidenziando una significativa opportunità mancata sia in termini economici che di reintegrazione sociale dei detenuti.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri