Istruzione e spesa pubblica: Italia pari al 4,1% del PIL, rispetto a media europea del 4,7%

WhatsApp
Telegram

Esiste un significativo divario di genere a favore delle femmine, con il 37,1% rispetto al 24,4% dei maschi. Questo dato è ancora lontano dall’obiettivo europeo del 45% entro il 2030, stabilito dal Quadro strategico per la cooperazione europea nel settore dell’istruzione e della formazione

Nel 2021, la partecipazione dei giovani tra i 20 e i 24 anni al sistema di istruzione e formazione è stata del 38,3%, con notevoli differenze regionali. Emilia-Romagna e Lazio hanno registrato i valori più alti, rispettivamente del 53,9% e 53,5%. Le regioni del Mezzogiorno, a eccezione dell’Abruzzo, e alcune regioni del Nord hanno valori inferiori alla media. A livello europeo, l’Italia è al di sotto del tasso medio del 44,8%.

Nel 2023, la percentuale di giovani tra i 18 e i 24 anni che abbandonano precocemente gli studi è scesa al 10,5%. Tuttavia, nel Mezzogiorno questa percentuale è più alta, raggiungendo il 14,6%. L’abbandono scolastico precoce è più diffuso tra i ragazzi (13,1%) rispetto alle ragazze (7,6%).

Il benchmark europeo per il 2030 è fissato al 9%. Nel 2023, i giovani tra i 15 e i 29 anni che non lavorano e non studiano (Neet) rappresentano il 16,1% della popolazione in questa fascia di età. La percentuale è più alta tra le femmine (17,8%) rispetto ai maschi (14,4%). Nel Mezzogiorno, la quota dei Neet è il doppio rispetto al Centro-nord, con un 24,7% contro l’11,2%. L’Italia si colloca tra i paesi con le percentuali di Neet più elevate.

Nel 2023, il 30,6% delle persone tra i 25 e i 34 anni possiede un titolo di studio universitario. Esiste un significativo divario di genere a favore delle femmine, con il 37,1% rispetto al 24,4% dei maschi. Questo dato è ancora lontano dall’obiettivo europeo del 45% entro il 2030, stabilito dal Quadro strategico per la cooperazione europea nel settore dell’istruzione e della formazione.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: corso di formazione Eurosofia. Webinar di presentazione il 26 luglio ore 17.00