Istruzione adulti, funzionamento CPIA 2021/22: non previsto obbligo Green pass per studenti. NOTA

Stampa

Il Ministero dell’istruzione pubblica la nota 21059 del 8 settembre relativa all’Istruzione degli adulti e apprendimento permanente – Funzionamento dei CPIA a.s. 2021-2022. Vengono confermate per il corrente anno scolastico le istruzioni impartite da ultimo con la nota n. 22805 dell’11 novembre 2019, relativa alle specifiche attività annuali di competenza dei CPIA, ma con alcune precisazioni.

Viene fissato al 30 settembre 2021 il termine per la stipula o l’aggiornamento dell’accordo tra il CPIA (unità amministrativa) e le istituzioni scolastiche di secondo grado, che va trasmesso all’U.S.R. competente.

Viene fissato al 15 novembre 2021 il termine per la definizione del Patto Formativo Individuale (PFI), di cui all’art. 5, c. 1, lett. e), del dPR 263/12. Per gli adulti che, ai sensi della medesima nota, hanno presentato l’istanza di iscrizione da remoto e hanno
trasmesso la documentazione necessaria al perfezionamento della medesima entro i termini ivi prescritti, il suddetto termine può essere prorogato al 30 novembre 2021.

Anche per l’a.s. 2021/2022, gli adulti iscritti al secondo livello continueranno a frequentare i percorsi di istruzione professionale secondo l’assetto ordinamentale previsto dalle Linee guida di cui al D.I. 12 marzo 2015.

Sono altresì valide le disposizioni introdotte dal Decreto-legge 6 agosto 2021, n. 111, recante “Misure urgenti per l’esercizio in sicurezza delle attività scolastiche, universitarie. Sociali e in materia di trasporti”, come già precisato dalla nota del Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione prot. n. 1237 dell’11 agosto 2021, riguardano tutte le
istituzioni scolastiche “compresi i CPIA”.

L’obbligo del green pass – si precisa nella nota- non è previsto, indipendentemente dall’età anagrafica, per gli studenti frequentanti i percorsi di istruzione degli adulti.

NOTA 21059.08-09-2021

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”