Istituti professionali, ipotesi nuovi quadri orario e organici dall’a.s. 2018/19

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’USR Veneto ha organizzato un incontro tecnico sul riordino degli Istituti Professionali disciplinato dal D.lgs. 61/’17, allo scopo di discutere con i Dirigenti Scolastici le modificazioni introdotte e le previsioni future.

L’incontro si è svolto il 13 aprile, e l’USR ha fornito i materiali presentati.

QUADRI ORARIO

GLI ORGANICI

La Nota miur 29 marzo 2018 per la costituzione degli organici per l’a.s. 2018/19 prevede che le istituzioni scolastiche avranno la facoltà, mediante apposita funzione del sistema informativo, di variare in aumento o in diminuzione (in tale ultimo caso nel limite del 20% del monte ore totale calcolato per ciascuna classe di concorso relativamente all’insegnamento correlato); in questa operazione il sistema informativo garantisce che sia rispettato il monte ore complessivo per classe previsto dagli ordinamenti.

Per gli insegnamenti dell’area di indirizzo per i quali è previsto un range di variazione (min/max) nei quadri orari, il sistema informativo “caricherà” il monte orario minimo, lasciando alle istituzioni scolastiche la possibilità di distribuire i residui sulle altre classi di concorso e pertanto sugli altri insegnamenti. In particolare, per due aree (la disciplina Scienze Integrate e l’area laboratoriale con compresenze di 6 ore) il sistema informativo non sviluppa un monte ore per ciascuna classe di concorso, lasciando alle istituzioni scolastiche l’autonomia di inserire le classi di concorso opzionabili ed il relativo fabbisogno in ore complessive, fatto salvo il limite del quadro orario generale.

Si precisa che le discipline di scienze motorie e religione cattolica non sono variabili a sistema

Scarica Quadri orario Servizi per la Sanità e l’assistenza sociale

Scarica Quadri orario per Servizi Commerciali

Scarica Quadri orario per Servizi commerciali: Design per la comunicazione visiva e pubblicitaria

Tutto sugli organici 2018/19

 

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione