Istat: nel 2020 oltre 2 milioni di giovani fra i 15-29 che non frequentano più la scuola e non lavorano

Stampa

Nel 2020 sono 2 milioni e 100mila i giovani di 15-29 anni non più inseriti in un percorso scolastico o formativo e neppure impegnati in un’attività lavorativa (i cosiddetti neet, neither in employment nor in education and training), pari al 23,3% dei giovani di questa fascia di età in italia (in aumento rispetto al 22,1% del 2019) e a circa un quinto del totale dei neet europei.

E’ quanto si legge nel Rapporto annuale 2021 dell’Istat. La probabilità di essere neet risente fortemente delle condizioni del contesto socioeconomico, familiare e culturale di appartenenza.

L’incidenza è maggiore tra gli stranieri (35,2% contro 22,0% degli italiani), nel Mezzogiorno (32,6% contro 16,8% nel Nord), tra le donne (25,4% contro 21,4% degli uomini) e aumenta con l’età (31,5% tra 25-29 anni contro 11,1% tra 15-19 anni). Al netto di chi è in coppia, la componente maschile dei neet diventa prevalente (60% tra gli stranieri e 56% tra gli italiani).

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur