Ispettori tecnici: il ministro dell’istruzione percorre la strada sbagliata. Lettera

WhatsApp
Telegram

Inviata da Enrico Maranzana – Il ministro Patrizio Bianchi ha firmato il decreto che indirizza la funzione tecnico-ispettiva “alla realizzazione dei compiti di istruzione e di formazione delle istituzioni scolastiche e orienta le strategie di innovazione e di valutazione del sistema scolastico”.

Si tratta di un orientamento che, oltre a trascurare la responsabilità primaria delle scuole, l’educazione dei giovani, ripropone un modello che contrasta con le disposizioni sull’autonomia scolastica. Essa “si sostanzia nella progettazione e nella realizzazione di interventi di educazione, formazione e istruzione mirati allo sviluppo della persona umana, adeguati ai diversi contesti”.

La decodifica della norma disegna l’ambito in cui il problema sarebbe dovuto essere collocato. Due ne costituiscono i pilastri: la struttura funzionale e la modalità operativa.

Il primo s’identifica nel rapporto che lega i tre orientamenti:
 la sequenza educazione-istruzione-formazione è tipica delle attività etiche, mirate a plasmare i giovani rispetto al modello d’uomo cui s’ispirano. L’insegnamento impartito nei seminari è funzionale a tale visione.

 Il concatenamento istruzione-formazione-educazione, che ben si attaglia in situazioni statiche, conduce alla professionalizzazione, all’addestramento.
Il decreto in oggetto, che ha come riferimento l’insegnamento universitario, risponde a tali esigenze.

 La progressione formazione-educazione-istruzione poggia sul presupposto che l’individuo trovi la propria identità all’interno della società di cui è parte.
Ne discende: la conoscenza è strumentale allo sviluppo delle capacità e delle competenze necessarie per l’ingresso dei giovani in un contesto dinamico e complesso. La finalizzazione dell’autonomia, espressa da “mirati allo sviluppo della persona umana, adeguati ai diversi contesti”, indica la scelta del legislatore, inequivocabilmente.

La progettualità è il secondo pilastro: consiste nella definizione dei traguardi, nell’adozione di strategie, nel controllo. La gestione scolastica ha eluso la disposizione: i Consigli d’istituto non hanno progettato l’attività formativa, i Collegi dei docenti non hanno progettato percorsi educativi, i Consigli di classe non hanno progettato l’istruzione, coordinando gli insegnamenti. Al termine “progetto” non è stato assegnato il giusto significato di filo conduttore della gestione di tutta la scuola; è stato applicato a specifiche problematiche, nell’indifferenza istituzionale.
E’ pur vero che tra i compiti degli ispettori, fissati nel decreto, è indicato il sostegno alla progettazione ma è solo un titolo: nel suo sviluppo le competenze progettuali non sono previste.

Se la norma sull’autonomia scolastica avesse guidato la mano del ministro, la direzione del decreto sarebbe stata capovolta; sarebbero state individuate le necessarie vie per insufflare lo spirito vitale negli organismi collegiali.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur