Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Isee ordinario o corrente, quale si deve presentare?

WhatsApp
Telegram
Isee

L’Isee corrente permette di aggiornare i redditi del nucleo familiare, prendendo in considerazione un lasso di tempo più vicino.

La legge 2 novembre 2019, n. 128 ha previsto la possibilità di aggiornare i redditi e i patrimoni presenti nella DSU prendendo a riferimento redditi e patrimoni dell’anno precedente, qualora convenga al nucleo familiare, mediante modalità estensive dell’ISEE corrente. In caso di variazione della sola componente reddituale, invece, resta ferma l’attuale data di scadenza dell’ISEE corrente stabilita in sei mesi dalla data di presentazione del modulo sostitutivo della DSU, salvo intervengano variazioni nella situazione occupazionale o nella fruizione dei trattamenti, nel qual caso l’ISEE corrente deve essere aggiornato entro due mesi dalla variazione. Per tale motivo a volte c’è convenienza a predisporre l’ISEE ordinario rispetto a quello corrente e viceversa, come nel caso proposto dalla nostra lettrice.

Buongiorno, non riesco ad avere chiarimenti a proposito dell’ isee da compilare, in base alle particolarità creatasi quest’ anno nel mio nucleo familiare. Padre disoccupato da marzo 2023 e percettore di naspi; madre disoccupata, percettrice di naspi nel 2022 ma non nel 2023; figlia 21enne, con residenza diversa dal 2022, ma a carico fiscale, in quel solo anno, perché nel 2023 con redditi superiori ai €4000 e quindi non più a carico; figlio iscritto all’ università nel 2023 e percettore a dicembre della metà della borsa di studio regionale. Ho fatto isee ordinario includendo la figlia, in quanto nel 2022 ancora a carico fiscale: se volessi fare isee corrente per aggiornare la posizione reddituale al 2023 di padre e madre, dovrei riconsiderare anche il reddito della figlia al 2023 pur non essendo a carico dei genitori, per lo stesso anno?Grazie in anticipo per il Vostro tempo.

Isee ordinario e corrente, quale occorre presentare?

L’ISEE ordinario contiene le principali informazioni sulla situazione anagrafica, reddituale e patrimoniale del nucleo familiare. Questo tipo di indicatore vale per la maggior parte delle prestazioni. L’ISEE corrente consiste in un ISEE aggiornato dei redditi e trattamenti degli ultimi 12 mesi quando si siano verificate rilevanti variazioni del reddito ovvero di eventi avversi come la perdita del posto di lavoro o l’interruzione dei trattamenti.

Si ricorda, in quest sede, che i redditi e i patrimoni per l’Isee sono quelli riferiti ai 2 anni precedenti, ma per il nucleo familiare si deve fare riferimento a quello al momento della presentazione dell’Isee e per quei componenti calcolare i redditi e patrimoni del 2022 (per il 2024) se si utilizza Isee ordinario e riferiti ai 12 mesi precedenti se si utilizza l’isee corrente.  Per quel che riguarda la figlia, quindi, deve essere considerato il 2024 per comprendere se inserire i suoi redditi nell’Isee o meno e capire se per i suoi attuali redditi è attratta o meno nell’Isee familiare dei genitori (ovvero se nel 2024 risulta essere a carico).

 Si rammenta che un figlio smette di essere a carico dei genitori quando ha una residenza differente e ha anche un proprio reddito:

  • meno di 24 anni, ma produce un reddito superiore a 4 mila euro all’anno;
  •  più di 24 anni e produce un reddito superiore a 2.840.51

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

TFA sostegno IX ciclo. Corso online per il superamento della prova scritta e orale: promozione Eurosofia a soli 70€