Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

ISEE diversamente semplice: quando la famiglia è allargata come fare?

WhatsApp
Telegram
Isee

Quando c’è un provvedimento di separazione o divorzio il genitore non convivente non è attratto nell’ISEE dei figli.

Sempre più spesso le famiglie sono allargate. Genitori non sposati e non conviventi che hanno altri figli da altre persone. Genitori divorziati che si risposano e creano una nuova famiglia. E l’ISEE diventa difficoltoso da compilare e diventa quasi impossibile capire chi deve essere inserito nell’ISEE di chi e quali redditi debbano essere considerati nell’uno e nell’altro caso. E per capire una di queste situazioni particolari rispondiamo alle domande di una nostra lettrice che ci scrive:

Buongiorno, la mia/nostra situazione fiscale/reddituale/emotiva è diversamente semplice. Cercherò di riassumere.
Io ho due figlie avute dal precedente matrimonio, concluso con divorzio
Io dipendente part-time e il papà commerciante Piva
Nel 2022 mi sono sposata
Mio marito ha due figli avuti dal precedente matrimonio, concluso con divorzio.
Lui dipendente con reddito svizzero e mamma dipendente pubblica
Come regolarsi per Isee per iscrizione a scuola paritaria o accesso a eventuali bonus regionali e statali con Isee? Chi deve inserire chi e cosa nel proprio Isee?
Aiuto ci serve un azzeccagarbugli perché le risposte degli enti spesso sono contraddittorie tra loro.

ISEE con genitori separati e risposati

La sua situazione livello si ISEE sembra complicata ma non lo è. Lei ed il suo attuale marito siete entrambi divorziati ed immagino che nel provvedimenti di divorzio siano previsti sia in un caso che nell’altro assegni di mantenimento per i figli.

In questi casi, quando c’è una sentenza dell’autorità giudiziaria con eventuale mantenimento, il genitore divorziato e non convivente con i figli non è attratto nel loro ISEE neanche come componente aggiuntiva.

Ora dalla sua mail non si capisce bene con chi vivano i suoi figli e quelli del suo attuale marito, ma ipotizzo che in entrambi i casi siano collocati prevalentemente presso la mamma. Ebbene, i figli vanno nell’ISEE del genitore con cui risiedono.

Non sapendo procedo con un esempio: lei vive con il suo attuale marito e con le sue due figlie.  Il papà delle sue figlie, ovviamente, vive altrove e non ci interessa con chi. I due figli di suo marito vivono con la mamma.

Voi fate il vostro ISEE in cui saranno presenti i seguenti componenti: lei, suo marito e le sue due figlie. I due figli di suo marito, invece, dovranno essere inseriti nell’ISEE della mamma. E suo marito non rientra nel loro ISEE neanche come componente aggiuntiva.

Comunque la regola base vuole che, in caso di separazione e divorzio, i figli rientrino nell’ISEE del genitore con cui hanno la residenza. L’altro non rientra nell’ISEE neanche come componente aggiuntiva. E STOP. Quindi la situazione non è poi così complicata no?

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur