Iscrizioni tardive: va sempre garantito il diritto all’istruzione. Le scuole sono tenute ad aiutare le famiglie

WhatsApp
Telegram

Il diritto all’istruzione va sempre garantito: questo il fulcro di una nota pubblicata dall’Ufficio scolastico di Pistoia che ricorda quanto previsto dalla nota ministeriale 1376 dell’agosto 2020 contenente le indicazioni per le iscrizioni tardive a scuola.

L’Ufficio di Pistoia ricorda alle scuole “la prioritaria esigenza di assicurare a tutti il diritto costituzionale all’istruzione“.

Le scuole sono tenute ad accettare le iscrizioni anche tardive, in tutti i casi nei quali un rifiuto comporterebbe la negazione del diritto all’istruzione, ad esempio nel caso in cui la famiglia si sia trasferita o nel caso di passaggi dalle scuole paritarie alle istituzioni scolastiche statali, motivati per lo più da difficoltà economiche.

Nel caso di oggettiva e reale impossibilità ad accogliere le iscrizioni tardive per incapienza delle classi, le Istituzioni scolastiche sono tenute a farsi parte attiva nell’aiutare la famiglia a trovare un’altra sistemazione consona, se del caso anche attraverso il supporto degli Ambiti Territoriali degli Uffici Scolastici Regionali, come peraltro esplicitato nella circolare ministeriale relativa alle iscrizioni 2021/22 (20651 del 12/11/20) nonché nella nota Dipartimentale n. 1376 del 05.08.2020.

In caso di oggettiva incapienza è la scuola stessa a doversi attivare interpellando le Scuole viciniori. Ove anche tale passaggio dia esito negativo, sarà possibile l’intervento dell’Ambito Territoriale.

Resta in ogni caso fermo il dovere di assicurare il diritto all’istruzione.

Leggi anche: Iscrizioni scuola a.s. 2023/24, è possibile accettare domande tardive?

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Corso di formazione, libro “Studio rapido” e simulatore per la prova scritta