Iscrizioni on line: Miur entusiasta, associazioni consumatori frenano. Grande lavoro degli assistenti amministrativi

Di Lalla
Stampa

red – Si è conclusa con l’invio di 23.000 domande la prima giornata di iscrizione on line per l’accesso alle classi prime delle scuole di ogni ordine e grado per l’anno scolastico 2013/2014. Soddisfazione del Miur. Adiconsum invita le famiglie a segnalare eventuali disservizi. Assistenti amministrativi: richiesta riconoscimento lavoro svolto per offrire un servizio di qualità.

red – Si è conclusa con l’invio di 23.000 domande la prima giornata di iscrizione on line per l’accesso alle classi prime delle scuole di ogni ordine e grado per l’anno scolastico 2013/2014. Soddisfazione del Miur. Adiconsum invita le famiglie a segnalare eventuali disservizi. Assistenti amministrativi: richiesta riconoscimento lavoro svolto per offrire un servizio di qualità.

Grande soddisfazione da parte del Miur per l’avvio del processo di registrazione telematica che per la prima volta nella storia della scuola consente alle famiglie di effettuare le iscrizioni alla scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado esclusivamente in rete, che preventiva un risparmio di circa 5 milioni di fogli di carta.

Alle 19.00 del 21 gennaio 2013, primo giorno di avvio della piattaforma, erano state inserite 23.179 domande. Il sito http://www.iscrizioni.istruzione.it/ ha avuto picchi di connessione in tarda mattinata, ma sostanzialmente il disservizio è stato ridotto al minimo.

Ricordiamo che la domanda può essere inviata fino al 28 febbraio 2013, e che si può accedere alla piattaforma 24 ore su 24, compreso sabato e domenica. La data di presentazione della domanda di iscrizione on line non non incide sull’accoglimento della stessa da parte della scuola. Avviso Ministero

Pertanto ci possono essere momenti, nei prossimi giorni, per compilare la scheda in maniera più veloce e in tutta serenità da casa.

Le criticità sono espresse da

  • Adiconsum, che pone l’attenzione sulle famiglie che non dispongono di computer e connessione ad Internet, e che avranno necessariamente bisogno di assistenza da parte delle scuole
  • dalla ANORC (Associazione Nazionale per operatori responsabili della conservazione digitale): Il sistema di iscrizione on line alle scuole italiane non fornisce adeguate garanzie circa la validità della conservazione dei documenti digitali relativi né della corretta gestione di informazioni sensibili che sono contenute in questi documenti.
  • da Codacons: "è sicuramente positivo incentivare l’uso di internet, ed è fondamentale che la pubblica amministrazione accetti le domande on line dei consumatori e, ancor di più, che invii le risposte e la documentazione richiesta dai cittadini via email, cosa più unica che rara. Cosa ben diversa, però, è invertire l’obbligo, gravando le famiglie di questo onere".

Un ruolo fondamentale per la riuscita dell’operazione è svolto dagli Assistenti Amministrativi, i quali però stanno vivendo una stagione difficile, a causa del blocco delle immissioni in ruolo fino a quando non si deciderà del destino dei docenti inidonei, in seguito alle indicazioni della spending review (Legge 135/2012).

Il Ministero annuncia un risparmio di 84.000 ore di lavoro delle segreterie scolastiche, che non devono più inserire a mano i dati dai moduli cartacei, ma dall’altro lato va considerato che saranno loro a fornire l’assistenza ai genitori che si rivolgeranno alle scuole per effettuare l’iscrizione e che dunque dovranno aggiungere questa incombenza ad un lavoro già gravoso. Iscrizioni on line: tutto va bene grazie agli assistenti amministrativi

FAQ per le famiglie

La Guida di Orizzonte Scuola

Lo speciale

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia