Iscrizioni 2019/20, trasferimento studente: cosa fa la famiglia e cosa la scuola

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Miur ha pubblicato la circolare n.  18876 del 07/11/2018, che fornisce indicazioni in merito alle iscrizioni a.s. 2019/20.

Iscrizioni scuola dal 7 al 31 gennaio 2019. La circolare

Nella circolare si forniscono, tra le altre, indicazioni in merito al trasferimento dopo l’avvenuta iscrizione.

Libera scelta delle famiglie

Nella circolare si evidenzia la facoltà dei genitori di scegliere liberamente il
corso di studi ritenuto più confacente alle attitudini e alle aspirazioni del proprio figlio.

Trasferimento: cosa fanno i genitori e cosa le scuole

La suddetta facoltà determina che, a iscrizione già avvenuta, i genitori possano chiedere di scegliere un altro indirizzo o un’altra scuola, prima dell’inizio dell’anno scolastico o nei primi mesi dello stesso.

In caso di accoglimento della domanda di iscrizione, da parte del dirigente della scuola di destinazione, il preside della scuola di prima iscrizione è tenuto a inviare il nulla osta all’interessato e alla scuola di destinazione.

Supporto Ambiti territoriali provinciali

I genitori, in caso di trasferimento di iscrizione, possono avvalersi del supporto degli ambiti territoriali provinciali degli UU.SS.RR. di competenza.

Il supporto può essere fornito, ad esempio, per individuare la scuola in cui trasferire lo studente (es. ipotesi di diniego di iscrizione da parte della scuola prescelta per incapienza delle relative classi).

Studenti figli di genitori con lavoro itinerante

Nella circolare si evidenzia che alcune tipologie di alunni, come ad esempio i figli di genitori che svolgono attività di tipo itinerante (in particolare i lavoratori dello spettacolo viaggiante) possono richiedere  più volte il trasferimento di iscrizione .

No attivazione di nuove classi

Il trasferimento di iscrizione non può determinare l’attivazione di nuove classi con maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

Anagrafe Studenti

Sono le scuole di destinazione a rettificare i dati dell’alunno  nell’Anagrafe nazionale degli alunni sono curate dalla scuola di destinazione.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione