Iscrizioni 2017/18 Emilia Romagna: 53% dei ragazzi sceglie tecnici e professionali, il 47% i licei

WhatsApp
Telegram

comunicato USR Emilia Romagna –  Nella sezione ‘La scuola in Emilia-Romagna’ – ‘I dati della scuola – Fact Sheet’ – ‘Altri Numeri’ del sito dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna, sono disponibili (al seguente link) i dati relativi alle domande di iscrizione al primo anno delle scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado (escluse le scuole d’infanzia) presentate dalle famiglie, aggiornati al 07 febbraio 2017.

Le domande inoltrate (comprese quelle per le scuole paritarie) sono state complessivamente 111.560. Si conferma la grande partecipazione delle famiglie alla procedura on line: più dell’80% (dato nazionale 69%) delle famiglie ha presentato autonomamente le domande di iscrizioni per i propri figli, senza ricorrere all’intermediazione delle Istituzioni Scolastiche.

Su base provinciale, si conferma come provincia con il maggior numero di iscrizioni Bologna (24.007, in aumento rispetto allo scorso anno), seguono Modena (19.065) e Reggio Emilia (14.003) seppur in leggera flessione. Per grado di scuola il numero maggiore di iscrizioni è stato effettuato per la scuola secondaria di primo grado, diversamente da quanto accaduto per le iscrizioni al primo anno relative all’anno scolastico in corso per le quali il maggior numero era relativo alla scuola secondaria di II grado.

LE ISCRIZIONI RISPETTO ALL’ANNO PRECEDENTE

Nel precedente anno scolastico in Emilia-Romagna le domande erano state 112.095. Si delinea pertanto un piccolo decremento che ha interessato tutte le province della regione ad eccezione di Bologna e Forlì-Cesena. Per entrambi gli anni scolastici è stato confrontato il dato a ridosso della chiusura della piattaforma disponibile alle famiglie.

Dal confronto del numero di iscrizioni per grado di scuola, si individua la scuola Primaria come grado di scuola che ha inciso nel decremento regionale delle iscrizioni per l’a.s. 2017/18. Nella Scuola Secondaria, invece, si registra un aumento del numero di iscrizioni al primo anno rispetto all’a.s. 2016/17.

ISCRIZIONI ALLA SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO STATALE E PARITARIA IN REGIONE

Come sempre, di particolare interesse sono i dati relativi alla Scuola Secondaria di II grado Statale e Paritaria, con riferimento agli indirizzi verso i quali si sono orientate sul territorio le scelte di studio e quindi professionali dei ragazzi. Complessivamente le iscrizioni al primo anno delle scuole secondarie di secondo grado statali e paritarie in regione sono state 37.950.

SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO: L’ANDAMENTO RISPETTO AI DATI NAZIONALI

Osservando le scelte dei ragazzi e delle famiglie per la scuola secondaria di secondo grado il numero maggiore di iscrizioni in regione (53%) è stato registrato negli istituti tecnici e professionali, con più di 20 mila domande presentate (tecnici 13.492 + professionali 6.619).
Tale dato si discosta da quanto si osserva a livello nazionale, dove l’interesse dimostrato dagli studenti per gli istituti tecnici e professionali è pari al 45,4%. Specularmente, le iscrizioni ai Licei in Emilia-Romagna risultano meno numerose (-7,6%) rispetto al dato nazionale. Nello specifico, la percentuale di alunni che sceglie i licei classici e scientifici, è inferiore al dato nazionale rispettivamente di -2,9% e -4,5%. Di seguito il grafico che confronta i dati regionali con quelli nazionali (disponibili nel comunicato stampa del 07 febbraio 2017).

SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO: L’ANDAMENTO IN REGIONE RISPETTO ALL’A.S. 2016/17

L’andamento delle iscrizioni nella Scuola Secondaria di II grado statale e paritaria in regione, rispetto all’anno scolastico precedente, conferma, come per gli anni precedenti, una decisa tenuta degli istituti tecnici e professionali.

“Anche quest’anno nella nostra regione si registra la preferenza per gli indirizzi tecnico-professionali – commenta il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna, Stefano Versari. – I primi dati mostrano che questi indirizzi nel nostro territorio sono scelti dal 53% degli studenti, a fronte del 47% deli Licei. Un dato in controtendenza rispetto al dato nazionale, in cui a prevalere sono i Licei. Le scuole tecnico professionali in regione sono particolarmente appetibili ai fini dell’accesso al mondo del lavoro, in considerazione delle ampie opportunità occupazionali offerte dalla filiera manifatturiera del territorio. Queste scuole, inoltre, hanno saputo qualificare la propria offerta formativa grazie ai numerosi progetti sviluppati in collaborazione con imprese innovative.
Rilevante è la percentuale di iscritti al percorso tecnico economico, in crescita rispetto all’anno scolastico precedente. Si conferma pure un l’elevato numero di iscrizioni al percorso professionale ad indirizzo enogastronomico.

Fra i licei, la scelta degli studenti sostanzialmente non muta rispetto allo scorso anno per i Classici (circa 8% degli iscritti dei Licei), i linguistici (circa 19%) e gli scientifici (circa 44%).
Da notare – conclude il Direttore Generale – che quest’anno il numero di famiglie che si sono iscritte online in Emilia-Romagna è pari all’80%, a fronte di una media nazionale del 69%. E’ un dato positivo, perché dalla crescita digitale del territorio deriva la possibilità di crescita della conoscenza”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur