Iscrizione 2019/20 per i comuni terremotati dal 5 al 26 febbraio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il termine ultimo per le iscrizioni alle scuole di ogni ordine e grado è il 31 gennaio 2019.

Iscrizioni 2019/20: riapertura termini

Il Miur ha pubblicato la nota 1385 del 23 gennaio 2019, con la quale comunica la riapertura dei termini esclusivamente per le operazioni che si svolgeranno nei Comuni delle zone terremotate delle regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, nonché nei comuni della provincia di Catania.

Iscrizioni 2019/20: destinatari

Possono usufruire della succitata riapertura dei termini i genitori degli alunni residenti o domiciliati nei Comuni indicati negli allegati 1, 2 e 2 bis del decreto 189/2016 e nei Comuni della provincia di Catania.

Iscrizioni 2019/20: per chi ha già presentato domanda

I genitori, residenti o domiciliati nei succitati comuni, che abbiano già provveduto all’iscrizione dei figli, non dovranno ripresentare la domanda.

Iscrizioni 2019/20: tempistica

Le domande, da parte dei genitori succitati che non hanno potuto presentare domanda, vanno presentate dalle ore 8.00 del 5 febbraio alle ore 20.00 del 26 febbraio 2019.

Quanto alle modalità di iscrizione si rinvia alle indicazioni fornite con la nota del 7 novembre 2018.

Iscrizioni 2019/20: domande online e cartacee

Le iscrizioni sono effettuate online per la scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado.

Sono, invece, cartacee le iscrizioni :

  • alle sezioni delle scuole dell’infanzia;
  • alle scuole della Valle d’Aosta e delle province di Trento e Bolzano;
  • alle classi terze dei licei artistici e degli istituti tecnici e professionali;
  • al percorso di specializzazione per “Enotecnico” degli istituti tecnici del settore tecnologico a indirizzo “Agraria, agroalimentare e agroindustria”, articolazione “Viticoltura ed enologia”;
  • ai percorsi di istruzione per gli adulti, ivi compresi quelli attivati presso gli istituti di prevenzione e pena.

nota

Iscrizioni 2019/20: online e cartacee, app “scuola in chiaro”. Cosa fanno scuole e famiglie

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione