IRC, Snadir: attribuire 2 ore settimanali. Si valorizzerebbe ruolo docenti, anche in vista degli esami di I grado

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Lo Snadir è intervenuto sulla partecipazione agli esami di stato di I grado dei docenti di religione cattolica, in risposta ad un comunicato della CUB Scuola, avanzando inoltre una proposta al fine di valorizzare il ruolo dei predetti insegnanti.

ESAMI DI STATO I GRADO

Lo Snadir non nasconde le difficoltà derivanti dalla partecipazione degli insegnanti di religione cattolica agli esami di Stato conclusivi del primo ciclo di istruzione, considerato che gli stessi sono presenti in numerosi classi e spesso in più scuole.

DUE ORE DI RELIGIONE A SETTIMANA

I docenti di religione, afferma lo Snadir, dovrebbero svolgere 2 ore settimanali in ciascuna classe e non una come avviene attualmente.

La disciplina, prosegue il sindacato, dovrebbe essere normalmente inserita tra le materie d’esame. Così sarebbe possibile valorizzare il ruolo dei docenti di religione.

Questo quanto scrive lo Snadir:

Sarebbe invece auspicabile che all’insegnamento della religione, in tal modo inteso, fossero attribuite almeno due ore settimanali e che fosse . Soltanto in questo modo si potrebbe ulteriormente valorizzare il ruolo degli insegnanti di religione nel quadro delle attività didattiche e formative della scuola, anche in considerazione delle finalità dell’esame di Stato che, oltre a verificare le conoscenze, valuta anche le abilità e le competenze acquisite dall’alunna o dall’alunno al termine del primo ciclo di istruzione.

Esami di Stato I grado, CUB: partecipazione IRC ne renderà difficoltoso lo svolgimento

Versione stampabile
anief anief
soloformazione