IRC, 526mila studenti delle superiori non la scelgono

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’ufficio statistica del Miur ha fornito i dati sugli studenti delle scuole secondarie di secondo grado che non si avvalgono dell’insegnamento della religione cattolica.

I dati

Il 21% degli studenti delle scuole superiori (pari a 560mila ragazzi), come riferisce Repubblica.it, scelgono di non avvalersi dell’IRC e conseguentemente svolgono una delle seguenti attività:  si dedicano allo studio autonomo, seguono le attività alternative organizzate dalla scuola oppure escono in anticipo o entrano a seconda ora (se l’ora di IRC è all’ultima o alla prima ora).

 Colpa degli stranieri?

No, la scelta non è influenzata dalla presenza di studenti stranieri di altre confessioni, che rappresentano soltanto il  7,1% degli studenti delle superiori.

Andamento dal 2006/07 al 2016/17

Gli alunni, che hanno scelto di non avvalersi del suddetto insegnamento, nell’arco di dieci anni, sono cresciuti di 6 punti percentuali.

Geograficamente, il numero maggiore di studenti che non sceglie l’IRC è collocato al Nord: Valle d’Aosta (41,6%);  Toscana (37,4%). La percentuale scende all’8,5% al Sud.

Se si guardano i diversi tipi di Istituto, il numero di studenti, che non si avvale dell’IRC, è basso nei licei: uno studente su sei. Il numero si innalza presso i tecnici (24,1%) e i professionali (26,2%).

Versione stampabile
anief
soloformazione