#ioleggoperché: fino al 13 novembre, è il momento di donare un libro alle scuole

WhatsApp
Telegram

E’ partita il 5 novembre, con quasi quattro milioni di studenti coinvolti, 23.240 scuole, 250 nidi e 3.275 librerie la settima edizione di #ioleggoperché, l’iniziativa nazionale per la creazione e il potenziamento delle biblioteche scolastiche, e prosegue fino al 13 novembre.

Organizzata e promossa dall’Associazione Italiana Editori (AIE), la manifestazione è realizzata con il sostegno del Ministero per la Cultura – Direzione Generale Biblioteche e Diritto d’Autore e del Centro per il Libro e la Lettura, il Dipartimento per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri; in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, con il Dipartimento dell’Editoria e dell’Informazione e di tutto il mondo del libro (Associazione Librai Italiani, Sindacato Italiano Librai e Cartolibrai e Associazione Italiana Biblioteche), con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il supporto di Fondazione Cariplo e di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori.

Al via una vera e propria mobilitazione della società civile: scuole (l’elenco è disponibile qui), nidi (l’elenco è disponibile qui), librerie (l’elenco è disponibile qui), testimonial, scrittori, editori, insieme a istituzioni e media partner supportano #ioleggoperché come iniziativa solidale, collettiva e diffusa sul territorio nazionale.

Tra loro, spiccano quest’anno nuovi personaggi del mondo dello sport: non solo l’Ambassador Sofia Goggia, ma anche per la prima volta le giocatrici di calcio della Super Coppa Femminile Ferrovie dello Stato Italiano. Sabato 5 novembre alle ore 14.30 le capitane delle squadre di Juventus e Roma e le bambine che le accompagnano scenderanno in campo a Parma con un libro di #ioleggoperché per ricordare a tutti che è iniziata la settimana delle donazioni. Lo stesso avverrà anche per il calcio maschile con Lega Serie A (durante le partite di venerdì 4, sabato 5 e domenica 6 novembre) e per la Lega Serie B (sabato 5, domenica 6, lunedì 7 novembre).

Oltre ai libri negli stadi, si attiva una vera e propria mobilitazione dell’intera comunità che invita tutti a recarsi nelle librerie, utilizzando il messaggio di questa edizione: “Costruiamo con i libri il mondo del futuro”.

E il tam-tam per le donazioni si farà sentire, oltre che sul nuovo canale tik-tok, su tutta la rete: da sabato 5 novembre tutti i soggetti coinvolti saranno invitati a supportare la campagna sui loro profili social, condividendo e diffondendo il più possibile il messaggio “vai in libreria e dona un libro alle scuole dal 5 al 13 novembre”, utilizzando gli hashtag @ioleggoperche #ioleggoperché.

Nelle 23.240 scuole e nei 250 nidi che hanno aderito all’iniziativa si scatenerà la creatività di studenti e insegnanti per creare animazioni nelle librerie gemellate di tutta Italia. Sono oltre 700 le scuole che partecipano ai contest rivolti alle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado (con tema “Leggere per costruire un mondo più inclusivo”), a cui si aggiunge quello per le secondarie di secondo grado (con tema legato allo sport: “Il libro e lo sport per un futuro più inclusivo”).

Al via su tutte le reti televisive anche lo spot “Per volare servono le ali, per giocare servono gli amici, e per crescere servono i libri!”, trasmesso grazie al Dipartimento Informazione ed Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri su tv e radio Rai come Campagna di comunicazione della Presidenza, a cui si affiancano negli spazi sociali anche Mediaset (con il sostegno di Mediafriends Onlus), La7 e Sky.

Oltre a passaggi in televisione e radio di testimonial e supporter, continua l’esortazione a donare libri a sostegno di #ioleggoperché nella puntata in onda giovedì 10 novembre di “Un posto al sole”, su Rai 3: Jimmy, uno degli amati protagonisti della serie ne parlerà con il nonno, raccontandogli che con la maestra e insieme ai compagni di classe ha preparato una lista di libri che vorrebbero nella loro biblioteca scolastica.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur